I Forconi avranno il loro candidato: è Corrado Cugno

2

Hanno scelto l’insolita location di piazza Monumento i Forconi per presentare il loro candidato sindaco alle prossime amministrative. Corrado Cugno, originario di Rosolini ma da anni residente a Modica, di professione commercialista, rappresenterà il movimento di Mariano Ferro nella corsa alla poltrona più ambita di Palazzo San Domenico. Tra la curiosità dei passanti oggi l’ufficializzazione della candidatura che si affianca a quelle di Abbate, Carpentieri, Giurdanella, Giunta, Migliore, Pitino e Sansone e fa salire a 8 il numero dei candidati alla successione di Antonello Buscema. La presenza del leader dei Forconi fa svanire le voci che vedevano una spaccatura interna al movimento di Modica con il responsabile Piero Bellaera. Oggi i due fianco a fianco hanno appoggiato il nome di Cugno. “Continuiamo il cammino intrapreso lo scorso mese di ottobre con le Regionali – ha dichiarato Ferro – un cammino di rinnovamento . Gli italiani stanno vedendo quello che sta succedendo a Roma, dove si pensa più alle poltrone che ai problemi della gente. Vogliamo partire da Modica questa opera di rinnovamento. Modica è una splendida città che ha bisogno però di essere rilanciata. Nessuna recriminazione contro il sindaco uscente ma bisogna cambiare. C’è bisogno di un sindaco fuori dai partiti, che rappresenti una vera rottura con il passato”.  Ferro si auto consegna la palma di unico movimento rivoluzionario, strappandola quindi ai 5 stelle di Grillo: “Siamo noi i veri rivoluzionari. Non quelli che si uniscono ai vecchi nomi della politica, ai cuffariani con i quali vogliono fare finte rivoluzioni”.
Da qui all’inizio della competizione vera e propria non è detto che non possa nascere qualche alleanza al momento inaspettata. Potrebbero spuntare dal cilindro i nomi di Ignazio Abbate o di Mommo Carpentieri. Ferro conferma la possibilità senza fare riferimenti però a nessuno in particolare. “Siamo aperti a qualsiasi tipo di alleanza purchè si rispetti il nostro programma ed il nostro modo di fare politica. La politica è dialogo, apertura verso gli altri. Non siamo d’accordo con Grillo e la sua chiusura. Quindi non escludo future alleanze sempre nel rispetto dei parametri nostri”.
Il candidato Cugno, volto nuovo della politica modicana, si presenta così ai suoi elettori: “Spero di essere all’altezza del compito che mi è stato affidato. Mi ritengo un uomo della città, espressione di tutti gli uomini liberi e di buona volontà che vogliono partecipare alla normalizzazione di questa città”. Due le linee guida principali spiegate questa mattina: “Fermare il debito ripartendo di nuovo con le entrate correnti e le spese correnti. Rivitalizzare il mondo delle piccole e medie imprese, vera colonna portante dell’economia modicana. Bisogna evitare la chiusura che è un dramma per tutti, mi impegno a snellire la burocrazia per facilitare la loro vita. Mi comporterò da padre di famiglia”.