Due tunisini arrestati in flagranza di reato per spaccio di eroina

1

I carabinieri della stazione di Comiso hanno arrestato ieri in flagranza di reato per detenzione e spaccio di eroina Imed Yousfi, 36enne pregiudicato tunisino, e Anjs Bouajila, 18enne vittoriese di chiare origini maghrebine anche lui pregiudicato.  I due si trovavano in contrada Montecalvo in territorio di Vittoria e stavano cedendo una dose di eroina a un 47enne tossicodipendente di Niscemi. I carabinieri della stazione comisana si trovavano sul posto per un servizio mirato al contrasto dello spaccio di stupefacenti.  Bloccati i due spacciatori i militari hanno perquisito  l’auto con la quale erano giunti sul posto trovando ben 62 grammi di cocaina, un coltello da cucina, un bilancino di precisione e 325 euro in contanti ritenuti provento della loro attività. I due arrestati che adesso si trovano rinchiusi nel carcere di Ragusa, sono due volti noti alle forze dell’ordine. Il più grande dei due, Imed Yousfi, era stato già arrestato nel 2009 e nel 2012 in entrambi i casi per spaccio di eroina. Il secondo, il 18enne Bouajila, nel 2012, dunque non ancora maggiorenne, era stato arrestato nell’ottobre del 2012 per spaccio di eroina e resistenza a pubblico ufficiale. Ai due è stata trovata anche la patente del tossicodipendente che era stata consegnata in pegno in attesa del pagamento della dose unitamente a un orologio da polso. L’assuntore è stato segnalato all’ufficio territoriale del governo di Caltanissetta.