A Modica stanno per arrivare le luminarie di Natale. Costeranno altri 50 mila euro

8

Si avvicina Natale e arrivano le nuove luminarie, che costeranno al Comune altri 50 mila euro: 49.150,33, per la precisione, leggermente meno dell’anno scorso, quando sono stati spesi 51.700 euro. È già pronta la gara per l’illuminazione artistica che l’Amministrazione vuole distribuire, in occasione delle festività natalizie, “per abbellire le vie e le piazze della città e delle frazioni”. Il servizio verrà affidato tramite cottimo fiduciario, a seguito di procedura negoziata. Da qui a breve, dunque, “riappariranno” le luminarie in città.
Nel frattempo, sulla rete civica del Comune di Modica è stata pubblicata anche la determina di liquidazione al “Centro Luce” di Ispica per l’illuminazione artistica di tutte le festività religiose della città di Modica da maggio a settembre: altri 10 mila euro, quasi (9.652,64, per la precisione). A queste somme vanno aggiunte le spese sostenute nella prima metà dell’anno, in particolare quelle per la Madonna Vasa Vasa, pari ad altri 3 mila euro.
Non va dimenticato che per coprire queste spese il sindaco ha disposto un prelevamento di ben 15 mila euro dal Fondo di riserva, che teoricamente dovrebbe essere accantonato per far fronte ad esigenze straordinarie (in tutto, nei giorni scorsi, sono stati prelevati 180 mila euro).
Proprio venerdì sera, in Consiglio comunale, sulla base di un’interrogazione del consigliere Vito D’Antona, è stata affrontata la questione finanziaria e in particolare la necessità di limitare le spese: “Il sindaco ci dica – ha dichiarato a che punto è l’esame da parte del Ministero del Piano di riequilibrio adottato dal comune per evitare il dissesto finanziario e quali iniziative si vogliono adottare per accelerarne l’esito. A distanza di due anni non si hanno notizie in merito”. Abbate ha replicato ricordando l’audizione ministeriale dello stesso settembre: “Ci hanno chiesto – ha spiegato il sindaco – di mettere in un unico schema istruttorio la situazione economica finanziaria con la scheda dei prepensionamenti deliberati dalla Giunta. Una volta ricevuto quest’atto la commissione deciderà. Nessun altro dato è stato richiesto e per questo ci auguriamo che il procedimento abbia un esito positivo”.