Un bel progetto sociale-sportivo: la Scherma Paralimpica sbarca a Modica, nel 2015

3

La Scherma Paralimpica sbarca a Modica. Grazie ad una significativa partnership tra la ditta SOA di Giuseppe Cicero e la Conad Scherma Modica, sotto il patrocinio dell’assessorato allo sport del comune, partirà a brevissimo un progetto a metà strada tra il sociale e lo sportivo che coinvolgerà i disabili che vorranno cimentarsi con una pratica sportiva, la Scherma Paralimpica, che negli ultimi anni ha guadagnato sempre più spazi e considerazione in campo nazionale ed internazionale.

L’accordo è stato presentato sabato scorso, nell’ambito della firma del protocollo con la Fie. A volere fortemente questa iniziativa l’assessore allo sport Rita Floridia: “Da alcuni mesi stavamo parlando con Maria Monisteri sulla possibilità di far partire questo corso per disabili. Come al solito ho trovato grande collaborazione nella Scherma Modica che metterà a disposizione le strutture e i maestri. Grazie a questa nuova disciplina contiamo di avvicinare allo sport tante persone che in passato non lo hanno mai potuto praticare. Abbiamo già diverse richieste, cercheremo di soddisfarle tutte e chi lo sa che non potremo portare ad alti livelli qualcuno dei nostri ragazzi“.

Il progetto, pronto a decollare tra il mese di febbraio e marzo, sarà reso possibile grazie all’aiuto della SOA, la ditta specializzata in protesi ortopediche del dott. Giuseppe Cicero che, dopo aver donato tre defibrillatori al Comune di Modica, fornirà gratuitamente l’attrezzatura necessaria allo svolgimento dell’attività sportiva: “Sono stato felice di accogliere l’appello dell’assessore Floridia e del presidente Conad Scherma Modica, Maria Monisteri. Adoro lo sport e la scherma in particolare, avendola io stesso praticata da piccolo, e quindi mi è sembrato naturale dare il mio contributo. I miei tecnici stanno preparando la pedana attrezzata con carrozzine che servirà agli allenamenti dei ragazzi che vorranno cimentarsi con questo stupendo sport. Non vedo l’ora che parta il progetto e che i nostri atleti possano raggiungere i migliori risultati”.

Modica, lo ricordiamo, è stata la città dove è nata la Scherma per non vedenti grazie ad un’intuizione del Maestro Giancarlo Puglisi che ha poi diffuso la pratica in tutto il mondo.
E per la Scherma Modica è tesserato l’attuale vice campione d’Italia Antonio Carnazza, tra i primi ad aderire al progetto partito qualche anno fa.