Inizia il “dopo-Rustico”, Pierenzo Muraglie infiamma la piazza di Ispica

3

A Ispica è entrata nel vivo la campagna elettorale del candidato sindaco del PD, Pierenzo Muraglie. Domenica 12 aprile, in piazza dell’Unità d’Italia, il comizio di apertura.

Questo il comunicato del della coalizione di centrosinistra, con ampi brani del suo discorso:

“Voglio condividere con voi ogni singolo aspetto di questa straordinaria esperienza che comincia stasera. L’emozione nel vedervi così numerosi diventa gioia nell’ascoltare quanto hanno detto su di me i miei alleati. Amo la politica e la mia città e vi posso garantire che su questo palco si gioca a carte scoperte, tramite un progetto di coerenza e discontinuità”.
Sono state le prime parole di Pierenzo Muraglie in una gremitissima Piazza Unità d’Italia che ieri sera ha ospitato l’apertura della campagna elettorale della coalizione PD – Ispica punto a Capo- Libertà e Buongoverno a supporto di Muraglie sindaco. “Coerenti con quello che abbiamo fatto negli ultimi 10 anni, ci presentiamo come alternativa al centro destra. Della discontinuità con Rustico o con chiunque abbia amministrato anche un singolo giorno negli ultimi 10 anni facciamo il nostro credo”.

Il discorso di Pierenzo Muraglie è stato interrotto dai tanti applausi di elettori e simpatizzanti che non hanno mancato l’appuntamento con quello che vuole essere l’inizio di una nuova pagina per la storia di Ispica: ”Rivendichiamo con forza il diritto a riscrivere un’altra storia fatta di bella politica e libertà.”. Muraglie ha poi confermato che sarà una campagna elettorale basata sul rispetto per tutti i progetti politici in gioco, senza rancore o astio. I due sentimenti che hanno portato Ispica a questo punto.

Il candidato della coalizione di centrosinistra ha poi anticipato le linee guida del programma che a giorni verrà comunicato nella sua interezza: “Il lavoro è il fulcro del nostro programma, possiamo e dobbiamo creare le condizioni per rimettere in moto il mercato del lavoro. Ci concentreremo sull’ampliamento del cimitero che farà lavorare le nostre imprese, valorizzeremo il centro storico creando sinergia tra pubblico e privato, istituiremo una task force capace di individuare le misure di finanziamento più utili in Europa e uno sportello per rispondere ai quesiti di cittadini e imprese. E ancora lavoreremo accanto alle aziende agricole per tutelare i prodotti tipici, miglioreremo la viabilità, perseguiremo la riduzione della tassa sulla spazzatura rilanciando la differenziata”.

Scuolabus, abbonamenti per studenti, rimodulazione della tassa di occupazione del suolo pubblico, servizi sociali, fascia costiera: queste le altre linee guida del programma elettorale di Pierenzo Muraglie che chiude con una promessa importante: “Cambiare rompendo con il passato, la politica uscirà dal palazzo e tornerà tra la gente”.
Sul palco con Pierenzo Muraglie gli alleati ed i rappresentanti dei simboli a supporto. Ad aprire il comizio il segretario cittadino del PD, Giovanni Gambuzza che ha rimarcato la bontà della scelta di Muraglie come candidato sindaco. A seguire l’intervento di uno dei coordinatori di Ispica Punto a Capo, Salvatore Di Stefano secondo cui non si parlerà mai di progetti utopistici ma si faranno scelte coraggiose dettate da umiltà e buonsenso.

Quindi è stata la volta di Giuseppe Roccuzzo, altro importante esponente del PD che ha riservato una parte isignificativa del suo intervento all’unità con la quale il Partito Democratico si presenta a questa tornata elettorale: “Non siamo mai scesi a compromessi, vogliamo che tutti si sentano partecipi di questo processo di cambiamento. Vogliamo trasformare la città e vi garantiamo che abbiamo le idee chiare di quello che si deve fare in ogni settore”.

Ad anticipare l’intervento di Pierenzo Muraglie, quello di Pippo Barone di Libertà e Buongoverno. Barone, già candidato nel 2010 quando ottenne la ragguardevole cifra di 3483 voti, ha spiegato le motivazioni lavorative che lo hanno portato ad abbracciare la causa comune rinunciando ad una nuova candidatura personale: “La speranza è stata tradita e poi soffocata da questi anni bui, fatti di relazioni umane inaridite da questa amministrazione. Vogliamo essere il faro per tutte quelle persone che credono nel cambiamento, con Pierenzo sarà tutta un’altra storia”.