Per il 2015 trovati 2 milioni di euro per la Legge su Ibla

0

A dare la notizia la deputazione ragusana all’Ars, al termine di una “seduta fiume” in Commissione Bilancio. Nello Dipasquale, Vanessa Ferreri, Orazio Ragusa, Pippo Digiacomo e Giorgio Assenza confermano il rifinanziamento della Legge 61/81 anche per l’anno in corso:

All’interno di un bilancio di lacrime e sangue, quando non era possibile ipotizzare di compiere per questo esercizio finanziario delle scelte in favore di interventi speciali, si è tuttavia riusciti a far passare all’alba di oggi, in Commissione Bilancio, gli emendamenti che consentiranno di appostare delle utili risorse per il centro barocco. Nello specifico, per Ibla si è riusciti a prevedere 2 milioni di euro. Nonostante le enormi difficoltà economiche del bilancio e nonostante sia stata da più parti evidenziata l’impossibilità di ottenere risorse per Ibla, proprio a causa delle ristrettezze finanziarie, attraverso l’emendamento presentato alle 4 di questa notte si è riusciti a salvare almeno unaparte non da poco di risorse economiche.

La Commissione Bilancio, che va ringraziata nella sua interezza, ha accolto le istanze che già nella seduta del giorno prima erano state nei fatti rigettate proprio a causa dell’assoluta carenza di risorse. Per non arrivare alla bocciatura definitiva si è attuata una strategia accantonando le proposte per circa 24 ore. Dinnanzi alle difficoltà che ormai tutti i siciliani conoscono rispetto ad un bilancio che si è limitato e si limita a contenere le spese obbligatorie e a garantire gli stipendi dei dipendenti nelle varie ramificazioni regionali, il finanziamento per Ibla, ancorché ridotto rispetto al passato, rappresenta un’assoluta eccezione e con somme non indifferenti. Va dunque confermato il ringraziamento al presidente e ai componenti di ogni partito della Commissione Bilancio per aver compreso ancora una volta il significato degli sforzi e dei sacrifici che si stanno compiendo per il rilancio del barocco nel Sud Est siciliano.