Ryanair a Comiso fa il sold out, il Pio La Torre sorpassa molti scali italiani

2
Da aprile voli a giorni alterni

Oltre il 30%. Di tanto sarebbe cresciuto, nelle ultime settimane, il traffico dei passeggeri dell’Aeroporto Pio La Torre di Comiso.

I dati arrivano da FlyComiso, e parlano di un aumento netto dei voli Ryanair che fanno registrare il sold out, tanto in partenza quanto in arrivo. La tratta che starebbe facendo registrare i numeri migliori è quella di Roma e il motivo sembrerebbe riconducibile al cambio dell’aeroporto di approdo. Dal 29 marzo, infatti, non si atterra più a Ciampino, ma nel più centrale Fiumicino. Da quel giorno la low cost irlandese pare abbia registrato oltre 30 voli con 189/189 passeggeri.

E’ un dato storico – scrivono su FlyComiso – che Ciampino, purtroppo, non ha mai registrato in due anni di operazioni, mentre Fiumicino, in appena due mesi, ha fatto passi da gigante, nonostante i numerosi voli cancellati per via del rogo dell’aeroporto romano e del maltempo. Stesso discorso vale per la rotta da/per Francoforte Hahn, che ha registrato e continua a registrare numeri che non possono passare inosservati”.

A confermare tale crescita è, pure, Assaeroporti, l’associazione confindustriale che rappresenta 32 società di gestione aeroportuale per 35 aeroporti, presso le istituzioni italiane ed europee. Assaeroporti non tratta Comiso e non ha i suoi dati, ma elencando i numeri relativi al mese di aprile di buona parte degli scali nazionali, permette di fare un confronto con quelli del Pio La Torre, ossia 25.193 passeggeri per un totale di 161 movimenti.

Ѐ così che si scopre, ad esempio, che Parma, Cuneo, Bolzano, Brescia, Foggia e Grosseto hanno fatto registrare numeri molto più bassi e, nello specifico: 18375 passeggeri e 596 movimenti Parma; 9657 passeggeri e 423 movimenti Cuneo; 5033 passeggeri e 1344 movimenti Bolzano; 1642 passeggeri e 709 movimenti Brescia; appena 394 passeggeri e 67 movimenti Foggia; 233 passeggeri e 117 movimenti Grosseto.

Cos’altro manca, a questo punto, al Pio La Torre per l’inserimento nel Piano Nazionale degli Aeroporti, che permetterebbe anche di risolvere l’atavico problema dei controllori di volo?