Stabili ma non gravi le condizioni del sindaco di Monterosso e degli altri feriti dell’incidente di venerdì

2
monterosso

Rimangono stazionarie ma comunque non particolarmente gravi le condizioni dei feriti dell’incidente stradale di venerdì scorso nel quale, tra gli altri, è rimasto coinvolto il sindaco di Monterosso Almo, Paolo Buscema, insieme ai due figli.

Il primo cittadino del comune montano si trova sempre ricoverato all’ospedale di Caltagirone dove i medici si sono riservati la prognosi. Prognosi riservata anche per la giovane vittoriese che viaggiava a bordo della Fiat 600, l’altro mezzo coinvolto nel sinistro (G.M., 19 anni, che è stata ricoverata al Cannizzaro di Catania) e per il figlio 25enne del primo cittadino che si trova ricoverato all’ospedale di Caltanissetta.

La diagnosi, per lui, è stata di dissecazione dell’arteria iliaca, causata dal trauma della cintura di sicurezza. La delicatezza del caso ha richiesto un intervento chirurgico molto delicato e la mobilitazione in piena notte dei medici del reparto. per cui, poco dopo la mezzanotte, l’équipe medica è entrata in sala operatoria e all’alba di sabato il giovane è uscito dalla sala operatoria e trasferito in Rianimazione per il recupero post operatorio.

L’incidente si è verificato intorno alle 17,45 di venerdì, al chilometro 35, in territorio di Vizzini. Cinque, in tutto, le persone coinvolte. Il sindaco Buscema insieme ai figli si trovava alla guida di una Peugeot quando, per cause da accertare da parte della Polstrada di Vittoria, intervenuta sul posto, è avvenuto lo scontro frontale con l’utilitaria Fiat 600 che procedeva in senso inverso di marcia. L’impatto è stato violentissimo. Feriti, in maniera più lieve, il figlio di 21 anni di Buscema ed il conducente della Fiat 600. Entrambi sono stati giudicati guaribili dai medici di Caltagirone e Lentini in trenta giorni. Tutti sarebbero comunque stati vigili quando sul posto sono arrivati i soccorsi.

Sul posto, oltre agli uomini della Polizia stradale che hanno effettuato i rilievi di rito e che dovranno stabilire eventuali responsabilità, anche i mezzi del 118 che hanno provveduto al trasporto dei feriti in ospedale e l’elisoccorso. Il traffico sull’arteria è rimasto fermo in entrambe le carreggiate per diverso tempo. I mezzi sono stati sequestrati come da prassi, su disposizione del magistrato di turno.