Novità per la festa di San Giorgio, la ‘scinnuta’ posticipata al primo aprile

108
La statua di San Giorgio a Modica | Foto di Saro Iemmolo

Le novità della Madonna Vasa Vasa con i baci che raddoppiano e prolungano la festa anche la sera hanno influenzato anche la festa di San Giorgio.

Com’è noto infatti la Pasqua ha segnato in passato l’inizio dei festeggiamenti del Santo Patrono di Modica. La cosiddetta “Scinnuta”  ovvero lo spostamento della Statua del Santo Cavaliere dalla Cappella nell’altare che avveniva la domenica sera quest’anno verrà posticipata al primo di aprile.

A renderlo noto il comitato dei portatori di San Giorgio che insieme all’associazione si occupa di organizzare i festeggiamenti e che sta già lavorando a pieno ritmo per garantire anche quest’anno che tutto sia pronto per una delle feste più attese della città.

Tutto avrà inizio il 22 aprile con una cena solidale nel Salone della Chiesa di San Giorgio. Poi giorno 23, il giorno della ricorrenza liturgica, ci sarà la tradizionale messa con l’uscita della Statua di San Giorgio in miniatura portata a spalla dai piccoli portatori ed infine la domenica il clou della festa. Quest’anno nella lunga processione è stata inserita una sosta in più: in occasione dell’Anno Santo anche San Giorgio infatti renderà omaggio al Santuario della Madonna delle Grazie. Tante novità quindi anche per la festa del Santo Patrono.