A ‘spasso’ con il cane: ecco i comportamenti corretti da tenere

13
Ragusah24-cane_guinzaglio

Il Comando della Polizia Municipale in riferimento all’episodio del bambino ragusano di 10 anni, azzannato alla guancia da un cane meticcio, di proprietà di una donna di Ragusa,  mentre giocava a pallone con gli amici nei pressi di via del Faggio, coglie l’occasione per rammentare le sanzioni a cui va incontro il proprietario e/o detentore di un cane in luogo pubblico o aperto al pubblico.

Si rammenta che gli obblighi a carico del proprietario e/o detentore del cane (art. 2) secondo cui gli stessi, ai fini della prevenzione dei danni o lesioni a persone, animali o cose, devono adottare le seguenti misure:

a)utilizzare sempre il guinzaglio ad una misura non superiore a mt. 1, 50 durante la conduzione dell’animale nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.
b)portare con sé una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali o su richiesta delle Autorità competenti;
c)affidare il cane a persone in grado di gestirlo correttamente;
d)prima di acquisire un cane assumere informazioni sulle sue caratteristiche fisiche ed etologiche nonché sulle norme in vigore;
e)assicurare che il cane abbia un comportamento adeguato alle specifiche esigenze di convivenza con persone e animali rispetto al contesto in cui vive.

I proprietari di cani inseriti nel Registro di cui al successivo art. 3 provvedono a stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane e devono applicare all’animale sempre, sia il guinzaglio che la museruola, nelle conduzione in aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.
I proprietari ed i detentori dei cani  hanno l’obbligo di esibire la polizza assicurativa e la documentazione relativa all’iscrizione all’anagrafe canina ad ogni richiesta degli organi di vigilanza.
E’ fatto obbligo a chiunque conduca il cane in ambito urbano raccoglierne le feci e avere con sè strumenti idonei ( paletta e sacchetto) alla raccolta delle stesse.
In ordine alle sanzioni, si rileva che salvo che il fatto costituisca reato, le violazioni alla presente ordinanza sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25 ad €500 ai sensi dell’art. 7 bis del D.L.vo 18-8-2000 n. 267.
In caso di mancanza di copertura assicurativa o di mancata esibizione della polizza assicurativa e della documentazione relativa all’iscrizione all’anagrafe canina oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria, l’organo accertatore dispone l’affidamento temporaneo del cane al canile convenzionato.

La restituzione del cane al legittimo proprietario, da richiedersi perentoriamente entro 10 giorni dalla data di affidamento al canile convenzionato, è subordinata alla contestuale presenza dei seguenti presupposti:
a) se il cane è definito pericoloso (assenza delle condizioni di cui all’art. 4 co.1 del l’O.M. del 3-3-2009 – pubblicata sulla GURI il 23-3-2009);
b)iscrizione all’anagrafe canina o comprovata identificazione del cane, tramite l’inserimento del microchip presso l’ambulatorio comunale di anagrafe canina o presso veterinario libero professionista;
c) esibizione della polizza assicurativa di responsabilità civile per danni contro terzi, valevole per almeno 6 mesi, nei confronti dei cani inseriti nel Registro di cui al superiore art. 3 co.2; d)pagamento delle spese di recupero e ricovero dell’animale secondo le tariffe vigenti.

Al trasgressore che abbia la residenza anagrafica nel Comune di Ragusa e che non rientri in una delle categorie indicate all’art. 4 dell’O.M. del 3-3-2009, in deroga a quanto stabilito al co.2 del presente articolo, può essere affidata la custodia temporanea dell’animale, con l’obbligo di uniformarsi alle prescrizioni della normativa in materia e a darne comunicazione, tassativamente entro 10 gg. all’Ufficio Anagrafe canina del Comune di Ragusa. La omessa comunicazione è sanzionata ai sensi del comma 2 del presente articolo.
In caso di rinuncia espressa da parte del proprietario alla restituzione dell’animale,  l’Ufficio comunale competente in materia di “ Tutela degli animali”, sulla base delle valutazioni del rischio effettuate dal servizio veterinario dell’AUSL n.7 di Ragusa, valuta l’opportunità di adottare i provvedimenti necessari al ricovero, in via definitiva, del cane nel canile convenzionato oppure proporre agli organi competenti comunali il pagamento da parte del proprietario di una somma forfettaria da determinarsi con apposito regolamento comunale.