L’acqua è ancora inquinata a Modica. Risolto, invece, il problema ad Ispica

41

La situazione dell’acqua a Modica rimane critica. Il problema non è stato risolto e nessuno sembra sapere in quanto tempo l’allarme potrà rientrare. Dai rubinetti delle case allacciate alla rete idrica cittadina l’acqua continua a scorrere marrone, ma anche quando non si presenta scura l’uso resta assolutamente vietato. I tecnici del Comune hanno fatto quello che hanno potuto ma, a differenza del gennaio scorso, quando ci fu un alluvione e l’infiltrazione riguardò solo le tubature risolvendosi in un paio di giorni, stavolta il problema interessa direttamente il sottosuolo, c’è un profondo inquinamento delle falde acquifere e pare non sia possibile alcun intervento umano: bisogna attendere che si puliscano da sole.

Il “disastro” si sarebbe verificato, nello specifico, alla sorgente di Cafeo che serve tutta la città, per questo tutti i quartieri sono interessati. Qui la pioggia di venerdì è arrivata in quantità così enormi che ha superato le pompe, ne ha bloccato una e rotta un’altra, portandosi dietro fango e detriti. I controlli sono quotidiani, ma al momento non ci sono segnali di miglioramento, e pertanto l’ordinanza subito emanata dal Sindaco Ignazio Abbate per interdire l’uso dell’acqua dei rubinetti resta in vigore.

Risolto, invece, il problema ad Ispica, dove sin dall’inizio, comunque, è stato tutto sotto controllo, tanto da non dover ricorrere ad una ordinanza. Il Sindaco Pierenzo Muraglie, dopo aver ricevuto comunicazione dagli Uffici Comunali preposti al controllo di probabili infiltrazioni d’acqua superficiale nelle falde acquifere a causa del maltempo, aveva invitato la popolazione a non consumare l’acqua per bere e/o cucinare e aveva annunciato, oltre alla riparazione pressoché immediata del guasto alla rete idrica, tutta una serie di controlli ed esami di laboratorio per verificare la potabilità a partire da lunedì. Stamattina sono arrivati i risultati, che confermano che l’acqua è tornata potabile. Pertanto i cittadini possono tornare ad utilizzarla senza alcun timore.