Da Malta alla provincia di Ragusa per cacciare di frodo: dodici denunce

11

Dodici cittadini maltesi sono stati fermati dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Ragusa al porto di Pozzallo mentre procinto di imbarcarsi sul catamarano che fa rotta da Pozzallo e Malta. Sono accusati di essere cacciatori di frodo.

Alcuni di loro sono stati trovati in possesso di esemplari morti di selvaggina di specie protette – anatre morette, anatre combattenti, anatre marzaiole; altri non erano in possesso di regolare porto d’armi e oltretutto è risultato detenessero puntatori laser, richiami per uccelli e fari notturni vietati per la caccia. Le fiamme gialle, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle dogane e del nucleo venatorio della Polizia provinciale di Ragusa hanno identificato i cacciatori di frodo e li hanno denunciati all’autorità giudiziaria. Sequestrati anche 12 fucili da caccia, munizioni e decine di esemplari di volatili abbattuti illecitamente.