Calci e pugni a un connazionale per rubargli 25 euro: arrestati

2189

I carabinieri della Compagnia Carabinieri di Vittoria, a conclusione di un’articolata attività d’indagine, hanno dato esecuzione nel territorio di Acate a tre misure di custodia cautelare in carcere, emesse dal Gip del Tribunale di Ragusa, a carico di altrettanti pregiudicati rumeni, tutti residenti in Contrada Macconi: si tratta di Bonculescu Irinel Jean, 33 anni5, Mocanu Vasile, 27 anni, e  Petras Adrian, 30 anni. 

L’operazione conclude una complessa attività investigativa iniziata nell’immediatezza della commissione di una rapina, avvenuta nella serata del 6 maggio scorso, lungo la Strada Consortile Case Serre, quando tre uomini di nazionalità straniera a bordo di un’autovettura avevano avvicinato la vittima, un cittadino rumeno di 23 anni, che stava transitando con la propria bicicletta per fare rientro a casa, facendolo salire con la forza. Sul mezzo il malcapitato era stato colpito con calci e pugni e gli era stato così sottratto il portafoglio, contenente 25 euro in contanti. Successivamente, gli aggressori lo portavano in località Baia Dorica, a Scoglitti, dove, dopo averlo nuovamente picchiato selvaggiamente, lo avevano abbandonato. Grazie al soccorso della sorella della vittima, avvertita con mezzi di fortuna dal 23enne, il giovane era stato trasportato all’Ospedale Guzzardi di Vittoria, dove veniva riscontrato affetto da traumi contusivi multipli al volto ed escoriazioni sparse su tutto il corpo, con una prognosi di 20 giorni.

Fin da subito, si evidenziava una complessità nella ricostruzione della vicenda e nella successiva individuazione dei responsabili, data soprattutto dal fatto che la rapina e il pestaggio erano avvenuti dapprima in area rurale e periferica, e poi in una zona isolata presso il mare.

Tuttavia, l’iniziale mirata attività informativa messa in campo e, in un secondo momento, le testimonianze di alcune persone e i filmati delle telecamere di alcuni immobili limitrofi ai luoghi dove erano stato commessi i reati, hanno consentito agli inquirenti di risalire alla vettura utilizzata, una Lancia Y vecchio modello, e di delineare le fattezze somatiche dei presunti responsabili, mediante appositi riconoscimenti fotografici. I Carabinieri sono riusciti a ricostruire i momenti salienti, fondamentali per definire l’impianto probatorio, avviando attività tecnica che si è affiancata ai più consueti metodi d’indagine, quali pedinamenti, osservazione e controllo territoriale: sono stati così identificati senza ombra di dubbio i tre rapinatori, associati già dalle prime luci dell’alba alla Casa Circondariale di Ragusa.

Un’indagine che non si ferma qui: infatti, i militari sono al lavoro per accertare collegamenti e responsabilità in altre rapine avvenute nel comprensorio rurale dell’ ipparino e, più in generale, nel territorio ibleo.