Da lunedì i festeggiamenti in onore di Santa Maria di Portosalvo

274

L’uomo moderno, forse più che nel passato, è preso da interessi e preoccupazioni materiali. Cerca sicurezza e non di rado sperimenta solitudine e angoscia. E che dire poi dell’enigma della morte? L’Assunzione di Maria è un evento che ci interessa da vicino proprio perché ogni uomo è destinato a morire. Ma la morte non è l’ultima parola. Essa – ci assicura il mistero dell’Assunzione della Vergine – è transito verso la vita incontro all’Amore”.

Usa le parole di San Giovanni Paolo II il parroco di Maria Santissima di Portosalvo, il sacerdote Riccardo Bocchieri, per annunciare l’edizione 2018 della festa che, a Marina di Ragusa, prenderà il via lunedì 6 agosto e proseguirà sino al giorno di Ferragosto. “Possa questa solennità – afferma padre Bocchieri – aprire il nostro cuore a questa superiore prospettiva dell’esistenza. Possa la Vergine, che oggi contempliamo risplendente alla destra del Figlio, aiutare l’uomo di oggi a vivere, credendo nel compimento della Parola del Signore”.

Ogni giorno, in chiesa, ci sarà alle 18,45 la recita del Santo Rosario e la coroncina alla Madonna. Alle 19,30 la celebrazione eucaristica. Lunedì 6, in particolare, sarà la festa della Trasfigurazione del Signore. Alle 7,30 è in programma la celebrazione eucaristica dalle suore, alle 8 la santa messa in chiesa, alle 18,30 il solenne scampanio darà il via al novenario. Alle 19,30 la celebrazione eucaristica. Martedì 7, alle 7,30 la celebrazione eucaristica si terrà dalle suore mentre alle 8 in parrocchia. Nel pomeriggio alle 18,45 la recita del Rosario meditato e la coroncina alla Madonna. Mercoledì alle 7,30 la celebrazione eucaristica dalle suore, alle 8 la celebrazione eucaristica, alle 18,45 il Santo Rosario meditato e la coroncina alla Madonna mentre alle 19,30 si terrà la celebrazione eucaristica. Alle 22 la catechesi sull’Eucaristia e a seguire l’Adorazione in chiesa. Il triduo in preparazione alla festa si terrà nei giorni 11, 12 e 13 agosto e sarà predicato dal sacerdote Marco Fiore.