Digos ‘contro’ antifascisti e giornalisti. La Procura chiede archiviazione

247

“Erano scesi in piazza per contestare una manifestazione di Forza Nuova a Ragusa. Cinquanta persone sono state denunciate dalla Digos per aver protestato senza autorizzazione il 7 gennaio scorso. Esponenti dell’Anpi, anarchici, attivisti di associazioni locali, militanti di Sinistra italiana e del Partito democratico, volontari di Legambiente”. 

Inizia così un articolo di Repubblica che fa riferimento alla manifestazione del 7 gennaio in cui un gruppo di antifascisti erano scesi in piazza (prima piazza Libertà, poi piazza San Giovanni), in modo pacifico, al passaggio di un corteo di Forza Nuova.

Solo qualche coro sui generis, ma nessun contatto fisico né altro, come anche Ragusah24 ha avuto modo di documentare. 

Come rileva Repubblica, denunciati anche due giornalisti che stavano documentando le due contrapposte manifestazioni“.

“E’ una vicenda paradossale perché invece di porsi delle domande su un’organizzazione che ha chiare simpatie verso il disciolto partita fascista, si indaga chi contesta in maniera pacifica Forza Nuova”, dichiara Gianni Battaglia, esponente di Articolo 1 e presidente dell’Anpi locale. Indagato anche il segretario provinciale della Cgil Peppe Scifo: “Se qua c’è un reato è quello di apologia al fascismo. E’ un problema non solo formale, ma anche sostanziale perché l’avanzare di queste forze in Europa stanno minando le nostre democrazie”.

Il Procuratore della Repubblica, Fabio D’Anna, non avendo rilevato elementi per un procedimento penale, ha chiesto l’archiviazione al Gip.