I ‘muri a siccu’ diventano patrimonio dell’Umanità

653

L’Unesco ha iscritto “L’Arte dei muretti a secco” nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità.

Lo si legge in un post sul profilo Twitter dell’organizzazione che si congratula con gli 8 paesi europei che hanno presentato la candidatura: oltre all’Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera.

Il testo pubblicato sul sito ufficiale con la motivazione e la spiegazione di cosa sono i “muretti a secco”.

Riproponiamo la bellissima poesia di Carmelo Assenza:

Mura a-ssiccu [Premio Vann’Anto 1981]

Mura a-ssiccu, ’ntaviddati

ccu pitruddi arricugghiuti

nné vignala e puoi ’ncugnati,

nné pirtusa, nna li casci;

mura nichi, mura vasci

ppi’ s’iddacchi, ppi’ cusciati,

mura fatti a ‘na traversa

ca scinniti, c’accianati,

ritti titti, a cudduredda

ppi li costi e bbi pirditi…

Unni iti! Unni iti

Comu tanti scursunedda,

muru a siccu ca parrati

sulu a cu bi sa capiri

e la terra arraccamati

ccu disigna a nun finiri?

Ah putissi ‘gn’juornu aviri,

vurricatu ‘nta n’agnuni,

ppi cummuogghiu ‘n muru a siccu

cumminatu a mannaruni…

nna lu mienzu ci spuntassi

rogni tantu l’irvicedda,

e all’ussidda ‘n cci mancassi

mai re petri a friscuredda!…