Commissione sviluppo economico. Insieme: ma che c’azzecca Digrandi?”

156

Pioggia di polemiche sulla presidente della Commissione comunale Sviluppo economico, Concetta Raniolo. Un fuoco incrociato da parte di Movimento 5 stelle e Insieme. «Il presidente della commissione dovrebbe tenere in maggiore considerazione i suggerimenti e le riflessioni che provengono dall’opposizione. Anche perché si tratta di proposte che arrivano da una ben specifica espressione della città con cui occorre confrontarsi», tuona il grillino Giovanni Gurrieri, il quale spiega che il Movimento 5 stelle ha espresso la propria delusione per i contenuti del nuovo statuto del Corfilac di Ragusa.

«Ci saremmo attesi – continua – una rivisitazione più complessiva di alcune parti e, invece, al di là dell’ampliamento delle pertinenze, riguardanti la filiera, di cui l’ente per la ricerca della filiera lattiero casearia sarà chiamato a occuparsi, c’è l’impressione di un deja vu che non fa altro che incrementare i posti di sottogoverno visto che da una le nomine del Comune passeranno a due». Da qui la decisione di astenersi. Più duro il commento di Giorgio Mirabella, di Insieme, che punta il dito sulla partecipazione alla seduta del consulente del sindaco per le problematiche giovanili. «Ho fatto notare – dice Mirabella – che è stato inutile ascoltare Digrandi, che non ha poteri decisionali, né di firma, né di stanziamenti di fondi, come ho fatto notare che è inutile ascoltare parlamentari sulla cui attività non possiamo esercitare controlli, nessuno ha eccepito nulla».

Dal canto suo la consigliera Raniolo spiega: «Credo fortemente nel ruolo consultivo dell’organismo consiliare e proprio in questa ottica si stanno svolgendo gli incontri calendarizzati su diverse tematiche. Continueranno, nei prossimi giorni, quelli organizzati con la deputazione della provincia per conoscere l’impegno dei parlamentari nei confronti del nostro territorio».