Carabinieri, ecco il consuntivo 2018

225

Sinergia e costanza sono state le parole d’ordine alle quali si è improntata l’attività dell’Arma dei Carabinieri nell’anno appena trascorso, una sinergia che ha visto un perfetto coordinamento delle forze in campo, Arma territoriale con i suoi presidi costituiti dalle Stazioni e dalle Compagnie di Ragusa, Modica e Vittoria unitamente ai Reparti Speciali dell’Arma quali il NAS il NOE, il ROS, il TPC ed il Nucleo Ispettorato del Lavoro, una costanza nel perseguire gli obiettivi di prevenzione e repressione dei reati tradottasi in un continuo incremento dei risultati operativi di contrasto non disgiunti da un significativo calo generalizzato dei fatti reato.

In particolare:

  • per la tutela esterna sul territorio, al fine di incrementare la percezione di sicurezza e porre in essere una concreta azione di contrasto ai vari fenomeni delittuosi, i militari dell’Arma hanno impiegato 17.500 pattuglie, uno spiegamento di forze che si è tradotto nel controllo di circa 70.000 persone e 48.000 mezzi;
  • negli ultimi dodici mesi i 6283 reati denunciati  hanno  visto un calo rispetto al 2017 ( 6366) del 2% mentre quelli scoperti 1860 sono incrementati del 9% rispetto al 2017 (1507);
  • dei 425 arresti operati quelli in flagranza sono aumentati del 9% 266 contro i 245 del 2017;
  • per quanto riguarda l’analisi dei reati legati al consumo di traffico di stupefacenti è stato registrato un incremento dei delitti perseguiti  con 172 arresti per spaccio e traffico di droga (12 in più rispetto al 2017) e 71 denunce in stato di libertà, inoltre, le 365 segnalazioni amministrative alla Prefettura per uso personale di stupefacenti sono aumentate del 11%;
  • nel quotidiano impegno nel campo della sicurezza stradale sono state elevate circa 3.000 contravvenzioni al C.D.S. (+ 20% rispetto al 2017) con il sequestro amministrativo di 520 mezzi e 630 documenti ritirati;
  • non per ultimo, in materia di terrorismo internazionale nel mese di giugno 2018 a seguito di indagini avviate dai militari dell’Aliquota Dedicata del Comando Provinciale, unitamente a quelli dei reparti speciali e del Comando Compagnia Carabinieri di Vittoria è stato espulso dal territorio nazionale un cittadino Tunisino di 29 anni perché ritenuto “pericoloso per la sicurezza nazionale”.