L’Assod di Ispica ha festeggiato i suoi 20 anni

111

Grande partecipazione ieri nell’aula consiliare del Comune di Ispica al Convegno organizzato da Paolo Santoro Presidente dell’A.S.SO.D ONLUS, l’associazione ServizioCivile e sostegno disabili in occasione dei 20 anni dalla sua costituzione avvenuta proprio il 21 gennaio del 1999.

Il tema “Nuovo servizio civile universale: strumento di crescita per i giovani o sfida per il futuro?” ha permesso di sviluppare un momento di confronto importante con i sindaci, le istituzioni, gli enti del terzo settore, gli operatori ed i giovani sulle novità apportate dalla legge di modifica del Terzo Settore al Servizio Civile Nazionale. L’evento è stato patrocinato, fra gli altri dalla Regione Siciliana. Il Presidente Santoro ha illustrato nella sua relazione gli importanti cambiamenti e le sfide future che l’ A.S.SO.D ONLUS, nel suo ruolo di Ente di Prima Classe, dovrà affrontare per continuare ad essere punto di riferimento per il servizio civile dell’intero Sud Est della Sicilia. “Entro il 4 maggio – ha dichiarato Santoro – tutti gli enti pubblici e del terzo settore, che vogliono presentare progetti di servizio civile universale, devono adeguarsi alle nuove disposizioni. L’iscrizione al nuovo all’albo del SCU presuppone il possesso di requisiti strutturali e organizzativi e di competenze e risorse specificamente destinate al servizio civile universale, nonché il mantenimento nel tempo dei predetti requisiti. I piccoli Enti non facilmente dispongono di queste risorse umane ed organizzativi. L’Assod in questi anni ha lavorato per farsi trovare pronto a questi cambiamenti e dare l’opportunità a chi non possiede i requisiti di diventare partner e usufruire di questa opportunità per il tramite dell’ASSOD.”

Presenti al tavolo dei relatori, l’esperto del servizio civile che collabora con l’associazione da parecchi anni Antonio Annino, il sindaco di Buscemi, Rossella La Pira, Concetta Guarino, assessore ai servizi sociali del Comune di Rosolini, la  Dirigente dell’Istituto Elio Vittorini di Scicli, Marisa Cannata, Marco Santoro responsabile monitoraggio e rapporti con i volontari. Numerosi gli interventi che si sono succeduti. Il sindaco di Ispica Pierenzo Muraglie ha ribadito l’importanza dell’A.S.SO.D per la città di Ispica ma anche per l’intero comprensorio ed ha voluto omaggiare il Presidente Santoro con una targa per sottolineare la stima e la gratitudine che l’intera città ha nei confronti di chi con le proprie forze e la propria determinazione ha realizzato un servizio di grande spessore sociale e di promozione del volontariato e dell’integrazione. Anche sua Eccellenza il Prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto dall’associazione, concetto ribadito dal Dott. Salvatore Piazza Commissario dell’ex provincia di Ragusa. La senatrice Marisa Moltisanti ha messo in evidenza un dato importante, la presenza ventennale dell’associazione nella città di Ispica. Il sindaco di Ragusa Peppe Cassì ha ringraziato l’A.S.SO.D per la collaborazione dichiarando che grazie al servizio civile finalmente il comune usufruirà della presenza di giovani, anche se per un anno, in un contesto in cui l’età media dei dipendenti si è innalzata per la mancanza di assunzioni. Toccante il momento delle testimonianze dei giovani che hanno svolto il servizio civile e che adesso sono parte integrante dell’associazione.

Il servizio civile – ha raccontato Sara Iozzia- mi ha fatto vivere tante esperienze, fra cui quella di rappresentare i giovani volontari siciliani a Roma. Questa opportunità ha fatto crescere in me il senso di responsabilità che porto ancora dentro di me” Manuela ha invece sottolineato che “il servizio civile mi ha insegnato che nella vita possiamo andare avanti solo se abbiamo gli altri accanto, uguali o diversi che siano.” Ed infine Concita, una delle veterane dell’associazione, che con grande emozione ha raccontato la sua esperienza ed ha concluso il suo racconto dicendo “Se mi dovessero chiedere di rifare questa esperienza non avrei dubbi la rifarei senza esitazione perché mi ha fatto crescere e mi ha resa più responsabile”.

Ed infine ad intervenire sono stati alcuni rappresentanti di tutte le associazioni e i vari enti che negli anni hanno collaborato con l’A.S.SO.D., l’Anfass Sicilia, l’Anfass di Modica, le Suore Orsoline, la Cooperativa Futura, la Cooperativa  Arcobaleno, la Ciurma, Il Csve, centro servizi volontariato eteneo.