La libreria Flaccavento si rifà il look. Un segnale per la rinascita del centro storico

94

La libreria Flaccavento lancia un coraggioso segnale di speranza, riconfermando il valore della cultura e delle tradizioni. Lo storico negozio in centro storico di Ragusa superiore riapre tutte le saracinesche, dopo l’importante restyling. “La libreria fu fondata da Flaccavento nel 1947 – racconta Daniela La Licata che insieme alla madre gestisce l’attività – poi è passata ai gemelli Ottaviano ed infine, negli anni Settanta, a mio padre”.

In controtendenza con il panorama nazionale, in cui le librerie scontano il drastico calo dei lettori e l’avanzata del mercato digitale, la libreria Flaccavento continua a credere nel popolo di appassionati della parola scritta. Ed ancora, rispetto alle tante attività che negli anni hanno spento le insegne nel centro storico ragusano, Daniela e la famiglia decidono di illuminare ancora di più il proprio angolo.

“Nei decenni abbiamo ingrandito a poco a poco l’attività – sottolinea Daniela – decidendo adesso di continuare ad investire sulla libreria, nonostante il periodo fortemente critico che abbiamo attraversato. Ci auguriamo che sia un segnale per rilanciare l’intero centro”. Il tutto in un contesto non facile: “Abbiamo subito diverse volte danni vandalici – ha spiegato – ho trovato più volte le vetrine rotte subendo anche alcune effrazioni, alla ricerca di soldi non certo di libri. La prima volta, cinque o sei anni fa, è stato il 26 dicembre. Hanno fatto un buco in una vetrina, talmente piccolo che sono convinta poteva passarci solamente un bambino. Una seconda volta ho addirittura trovato la saracinesca aperta”.

Tra i punti forti del restyling un murales realizzato da Guglielmo Manenti. “Richiama l’antica scaffalatura che in parte abbiamo recuperato, un modo per guardare al futuro pensando anche alle nostre origini. Riapriamo a ridosso di importanti manifestazioni – ha concluso Daniela – che rilanciano l’attenzione per i libri in città, con l’orgoglio di partecipare in maniera attiva”.