La quarta ‘San Domenico Savio running cup’ a Giorgio Mirabella

283

Va in archivio la 4^ SAVIO RUNNING CUP con grandi numeri. Infatti sono stati in totale circa 400 i partecipanti, che nonostante i timori della vigilia per le condizioni climatiche poco clementi, non hanno voluto mancare a questo evento che risulta in crescita rispetto alle precedenti edizioni. La podistica su strada e camminata veloce si è svolta domenica 7 aprile ed è stata organizzata dall’Associazione Salesiani Cooperatori di Ragusa con la collaborazione dell’ASD No Al Doping di Ragusa ed era valida come prova regionale del campionato UISP, ente di promozione sportiva, in convenzione FIDAL.

CorriAMO per un cuore giovane”,  era lo slogan dell’evento che favorisce l’aspetto sociale, in quanto hanno partecipato gli ospiti stranieri della Coop. Filotea, della Caritas Diocesana di Ragusa. Era presente anche  l’ Associazione ABIO (impegnata per i bambini ospedalizzati). Inoltre l’ Associazione Settecolli di Scicli, promossa recentemente al campionato di serie A di torball, con l’Unione Italiana Ciechi di Ragusa hanno partecipato  alla camminata con un gruppo di non vedenti con accompagnatori. Inoltre le  associazioni dei camminatori “Siemu a peri” e l’Associazione politico – culturale Creazione Giovane hanno partecipato con un buon numero dei loro associati contribuendo alla riuscita dell’iniziativa salesiana. In questa edizione c’è stata una grossa novità molto apprezzata: trattamenti osteopatici gratuiti per tutti i partecipanti grazie alla collaborazione del CSdOI Centro Studi di Osteopatia Italiano di Catania,

 Dopo il raduno presso lo slargo di via Gagini, di fronte l’ingresso dell’Oratorio Salesiano c’è stata la partenza delle categorie giovanili maschili e femminili divise in cinque fasce di età (esordienti A,B,C, ragazzi e cadetti). Successivamente sotto il gonfiabile di DECATHLON, sponsor ufficiale della manifestazione,  è toccato ai camminatori in un percorso da ripetere tre  volte per un totale di 6 km insieme agli assoluti/master/amatori uomini e donne  che hanno corso per un giro in più per un totale di 8 km. Il percorso è stato ricavato nel quartiere dove è sito l’Oratorio Salesiano  caratterizzato da vari sali-scendi con un dislivello di gara da affrontare di ben m. 155. Quindi una “collinare” avvincente resa ancora più impegnativa negli ultimi chilometri a causa di una leggera pioggia. Vincitore assoluto di questa quarta edizione del 2019 è stato  Giorgio Mirabella dell’APD Ultrarunning Ragusa, atleta fedelissimo della Savio Running Cup, con l’ottimo tempo di 31’e 37”. Al secondo posto è arrivato Antonino Zagarini dell’ASD Atletica Libertas Scicli con 32 secondi netti, mentre la terza piazza è toccata al sempre presente capitano della No Al Doping Vincenzo Taranto con 32’ e 14”. Il podio al femminile ha visto premiata al primo posto la forte atleta della NO Al Doping Laura Tummino, già vincitrice nella prima edizione, con uno strepitoso 39’e 04”. Al secondo posto è arrivata la spagnola Crespo Dominiguez dell’Unica Gym con il tempo di 44’23” e al terzo Cacciatore Rossella con 45’53” anche lei dell’Unica Gym. Per la categoria degli over 50 sul podio sono saliti: primo  Martorana Carmelo Atetica Padua 39’12”, secondo l’ever-green Ruscica Francesco Asd Atletica Libertas Scicli 39’15” e terzo Cappello Cludio Ultrarunning con 40’51”. Sono stati graditi ospiti durante la premiazione degli atleti e accolti dal direttore dell’Istituto Salesiano Don Edoardo Cutuli,   il Sindaco del comune di Ragusa l’Avv. Peppe Cassì, la vice sindaco Dott.ssa Giovanna Licitra e il consigliere comunale Daniele Vitale. Il primo cittadino ha avuto parole di apprezzamento per questa manifestazione, che tramite lo sport, è riuscita a coinvolgere tante persone. Inoltre stati premiati i  primi tre delle varie categorie giovanili e a tutti i ragazzi è stata donata una medaglia ricordo. Il tutto si è concluso con l’ ormai famoso “terzo tempo” ovvero il gustoso ristoro offerto a tutti i partecipanti.

Anche in questa edizione all’oratorio salesiano si è centrato l’obiettivo sport per tutti, come mezzo di socializzazione ed  integrazione, nessuno escluso!