Troppi topi nel centro storico e a Ibla. La segnalazione del consigliere Gurrieri

260

“Da qualche giorno, continuo a ricevere segnalazioni sulla presenza di ratti a Ragusa, in centro storico superiore e a Ibla. Mai accaduto in precedenza, negli ultimi anni, almeno non con tale frequenza. E ciò mette in rilievo la gravità di una situazione che non può passare sotto silenzio”. E’ la denuncia che arriva dal consigliere comunale M5s Giovanni Gurrieri che ritiene “quanto si sta verificando in questo periodo l’apice di una faccenda, quella dei rifiuti, che è stata gestita male. L’amministrazione comunale – aggiunge Gurrieri – prenda atto di quanto sta accadendo e si decida a intervenire nella maniera più adatta. Non è possibile che i cittadini, i visitatori e i turisti facciano i conti con tali presenze inopportune. I ratti, tra l’altro, si insinuano dalle grate della fognatura verso l’esterno. Una situazione davvero incresciosa”. Il consigliere Gurrieri lancia una serie di proposte: “Naturalmente, occorre predisporre una derattizzazione immediata per cercare di contenere il fenomeno. Poi, sarebbe necessario intensificare i turni della raccolta differenziata laddove si registra una consistente presenza di attività commerciali. E’ chiaro che più rifiuti non eliminati ci sono, maggiore è il rischio che i ratti possano trovarsi a loro agio. Inoltre, un altro provvedimento interessante da adottare, ma più a lunga scadenza, è quello dell’avvio di un censimento degli immobili abbandonati così da intimare ai legittimi proprietari di prendersene cura. Altrimenti si proceda con l’esproprio affidando gli immobili alle famiglie bisognose, alle onlus o alle associazioni per uso sociale e culturale. Abbiamo, purtroppo, appurato che la situazione dei ratti, in queste aree della città, sta, purtroppo per noi, rischiando di sfuggire di mano. E’ un serio problema rispetto a cui è necessario intervenire nell’immediato anche perché l’estate è appena entrata nel vivo e quindi, se non ci saranno correttivi, la situazione potrà soltanto peggiorare. Auspico che il mio appello possa essere ascoltato dall’amministrazione comunale e che si intervenga per il benessere dei cittadini, degli operatori commerciali e di quanti hanno a cuore le sorti della nostra città”.