La romantica storia di Mirella e Rita, che a Pozzallo si sono dette Sì

2463

Un’unione romantica ed emozionante quella celebrata lo scorso 19 settembre tra Angela Rita Tumminelli e Mirella D’Amico al Comune di Pozzallo.

A unire le due spose davanti a parenti e amici il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna.

Un evento speciale perché ha celebrato l’unione tra due donne che, dopo un iniziale momento di diffidenza, si sono riconosciute come parti di uno stesso puzzle che si incastrano perfettamente. “La nostra storia inizia nel novembre del 2018 – ci racconta Mirella – attraverso i social. Un semplice ‘ciao’ e tutto ha avuto inizio anche se con qualche dubbio. Dopo alcuni giorni che conversavamo tramite chat, in me è nata un po’ di diffidenza e così ho cominciato ad allontanarmi e a non contattarla più. Ma poi una foto di lei con una sua amica ha scatenato la mia gelosia e allora ho capito che già era diventata importante”.

Così il 2 dicembre si incontrano a Ragusa e da lì non si lasciano più. Almeno idealmente perché in realtà sono molti i chilometri che le separano. Mirella vive a Pozzallo, invece Rita a Gela, con stili di vita molto differenti.

“Io lavoravo di giorno, Rita in una pasticceria di notte. Alcune volte io salivo in auto alle 3 del mattino per farmi trovare da lei appena finiva il turno. Momenti romantici, ma non potevamo continuare così per molto e dunque, dopo aver trascorso le vacanze natalizie insieme abbiamo deciso di non separarci più”.

Da lì il progetto di costruire un futuro insieme, creando il loro spazi e la loro vita, fino alla proposta di matrimonio.

L’ho fatta io – ci continua a racontare Mirella – che tra le due sono quella più romantica. Rita invece è più introversa”.

Ci saremmo dovute sposare a maggio – ci dice Rita – ma abbiamo avuto vari intoppi e alla ci siamo dette Sì il 19 settembre davanti a parenti e amici che hanno voluto trasmetterci tutto il loro amore”.

Un percorso, quello che le ha portate al Comune, ricco di affetto anche da chi non le conosceva.

I funzionari del Comune, i clienti del bar dove adesso lavora Rita, tanti pozzallesi, oltre ai nostri amici e parenti ci hanno fatto sentire amate. È stato tutto meraviglioso!” esclama Mirella.
E così il giorno della cerimonia con accanto le loro testimoni, si sono dette Sì per coronare l’amore che provano l’una per l’altra e per sottolineare il loro diritto di essere coppia.

All’uscita dal Comune – spiega Mirella con la voce emozionata – ho voluto far volare dei palloncini verso il cielo, uno rosso e gli altri bianchi, per salutare mia mamma”.

Dopo la cerimonia ci siamo trasferiti in un locale a Santa Maria del Focallo. Ci siamo divertite, molto. E vogliamo ringraziare soprattutto due nostri splendidi amici che nonostante il lutto vissuto poche ore prima delle nostre nozze, sono riusciti a gioire con noi e per noi”.