Mancano i posti, costretto a fare la spola tra gli ospedali: muore in astanteria

1149
Immagine di repertorio

I carabiniei hanno sequestrato la cartella clinica, mentre la Procura potrebbe disporre l’autopsia sul corpo del 37enne Francesco Giovanni Giudice, morto nel primo pomeriggio di ieri per un arresto cardiaco al pronto soccorso dell’ospedale ‘Vittorio Emanuele’ di Gela.

Domenica sera era stato accompagnato in ospedale a Gela, dove i medici hanno riscontrato un’emorragia disponendo il trasferimento presso il reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Raimondi di San Cataldo. Un primo intervento per tamponare l’emorragia sembrava riuscito ma, non essendoci posti all’ospedale di San Cataldo, è stato riportato a Gela.

Tuttavia non c’era posto nemmeno qui, quindi è stato sistemato in astanteria. Lo stato di salute è peggiorato e, nel primo pomeriggio di ieri, l’uomo è deceduto.