Evade dai domiciliari e ‘pesta’ la fidanzata. Ma non va in carcere

1053

Nonostante fosse ai domiciliari è andato in casa della fidanzata e l’ha riempita di botte. L’ha lasciata con con un occhio tumefatto e vari ematomi sul viso.

È stata la giovane, una 19enne, a chiedere l’intervento dei carabinieri, spiegando che il fidanzato l’aveva picchiata violentemente.

I medici del Pronto soccorso le hanno diagnosticato un trauma cranico e una contusione al naso con una prognosi di dieci giorni.

Ai carabinieri ha raccontato che il fidanzato, detenuto agli arresti domiciliari per  spaccio di droga, era geloso in maniera morbosa. Voleva a tutti i costi che lei andasse a casa sua a portargli il cellulare così da poter leggere messaggi e controllare le sue chiamate.

La ragazzi si è rifiutata e lui è uscito dai casa ed è andato da lei, dove avrebbe iniziato a strattonarla, afferrandola per i capelli e assestandole due pugni in pieno volto.

Per lui disposti nuovamente i domiciliari.

L’episodio è avvenuto a Catania.