Teatro della Concordia, addio al progetto?

348

I Consiglieri Comunali del Partito Democratico, Mario Chiavola e Mario D’Asta hanno presentato oggi una interrogazione, richiedendo risposta scritta, al Sindaco e all’Assessore alla Cultura del Comune di Ragusa per conoscere la situazione dei fondi che erano stati impegnati, nel tempo, per il ripristino dell’ex Cinema Marino, destinato a diventare il Teatro della Concordia. Ingenti somme erano state impegnate, assieme ad un finanziamento dell’allora governo nazionale, i consiglieri PD chiedono ora di conoscere quale era il totale delle somme a disposizione, quali, eventualmente, sono cadute in prescrizione, quali eventualmente sono stato oggetto, per la destinazione, delle nuove norme relative al bilancio, quali ancora a disposizione e quali sono le intenzioni dell’amministrazione circa il loro utilizzo e per quale specifico progetto.

Sulla questione del Teatro interviene anche il Movimento Territorio:

“Voci di corridoio che circolavano da qualche tempo, confermate da indiscrezioni giornalistiche, fanno intravedere il de profundis per il Teatro della Concordia.
A paventare il pericolo che tutto quanto di buono è stato fatto in passato per restituire alla città uno dei simboli della cultura ragusana potrebbe essere vanificato, sono il segretario cittadino del Movimento Territorio di Ragusa, Michele Tasca e il suo vice Emanuele Distefano.
Si parla di relegare l’ex Cinema Marino a semplice struttura polifunzionale, un auditorium che, come accade per San Vincenzo Ferreri e per la sala Falcone Borsellino, si animerà solo nei fine settimana, quando e se ci sono appuntamenti, manifestazioni ed eventi, dotando la città dell’ennesimo portone chiuso in centro storico.
L’egregia opera dell’ex sindaco Dipasquale, determinò l’espropriazione dell’immobile inutilizzato e abbandonato, caso raro in tutto il meridione, peraltro confermata da sentenze della magistratura che si pronunciò in merito ai ricorsi che ritenevano spropositato il prezzo di acquisizione.
Tutto sembra che resterà impegno non riconosciuto e buttato al vento, assieme alle ingenti somme reperite per il ripristino della struttura, grazie anche ai fondi erogati dal governo nazionale, e al progetto realizzato da  un qualificato professionista per il Teatro della Concordia, opera già sottovalutata e poco considerata dagli amministratori grillini, ora buttata nel cestino dall’amministrazione Cassì, con il conseguente ed evidente danno per il centro storico che perderà un’altra delle occasioni per rinascere.
Un brutto segnale per la cultura che si vorrebbe mettere al centro della rinascita e del risveglio di Ragusa, peraltro con strategie che, stando sempre alle indiscrezioni circolanti, vorrebbero mettere da parte le grandi potenzialità artistiche della nostra comunità per fare spazio anche all’immigrazione di settore da ambiti culturali diversi e più adatti ad altre realtà di consolidata tradizione, dove è più facile esprimere professionalità anche marginali.
Dopo il flop per la ricerca di un manager della cultura, che doveva arrivare da fuori, si tenta ora il poco decifrabile progetto di una Fondazione teatrale che presenta aspetta discutibili per la scelta delle strutture di pertinenza e per l’architettura finanziaria che potremmo definire solo creativa per l’esiguità delle somme in gioco e per la partecipazione, tutta da verificare, del privato, che dovrebbe mantenere il giocattolo montato ‘ad arte’ dall’ennesimo soggetto in cerca, forse, di sistemazione definitiva.
Quanto alla trovata di basare la eventuale Fondazione su due strutture non di proprietà comunale e su una che rimane il teatrino di una scuola, consegna alla città la dimensione del progetto che ignora, a questo punto si può pensare in maniera strumentale, ogni ipotesi per il Teatro della Concordia”.