In una città vuota, vigliacchi danneggiano la porta dello ShantyTown

1546

Un furto? No, un atto di ‘sfregio’. È lo sfogo dei titolari del pub ShantyTown di Modica, a due passi da piazza Matteotti. Cos’è accaduto lo spiegano loro stessi, in un post su facebook:

“Siamo delusi, amareggiati e potremmo usare tanti altri termini che non stiamo qui ad elencare.. questa notte qualcuno si è divertito a sfondare le porte dello #ShantyTown, avremmo potuto aspettarci un furto, ma con nostro stupore non mancava nulla. L’unica logica plausibile da pensare è ad uno sfregio.
Amici delle Shanty questo ci fa capire che situazioni del genere non accadono così lontano da noi, non abbiamo bisogno di spostarci nei grandi centri metropolitani per vedere queste situazioni.
Stiamo attraversando un momento storico difficile per tutti, abbiamo dovuto chiudere la nostra attività, fin quando non si ritornerà alla vita normale e divertirci insieme.
Purtroppo non tutti capiscono il sacrificio che stiamo affrontando, come noi tutti i commercianti d’Italia. Scusate lo sfogo ma fa male sapere che un punto di riferimento come il nostro locale, sia preso di mira da persone che non hanno l’umanità di cui adesso necessitiamo tutti. Abbiamo avvertito le forze dell’ordine che stanno effettuando i controlli, confidiamo nella giustizia”.

Tantissimi i commenti di solidarietà e d’indignazione per questo vile atto. Tra questi, c’è il consigliere comunale Alessio Ruffino, che scrive:

“Supporto a questi giovani amici imprenditori. È un atto vile che merita solo sdegno. Come è possibile che oltre le misure restrittive di quarantena per tutti sia stato possibile effettuare un danno così di un’attività al momento completamente chiusa in pieno centro storico? C’è bisogno di intervenire in fretta per due ragioni: chi è ancora in giro anche di notte? E poi: Quale misure adottate immediatamente dopo la attuale situazione di emergenza, per un piano strategico di sicurezza per le attività del centro della città?”.