Un bambino di Roma, una ragazza di Palermo: salvati dal dono di Graziana

6580

Il Coronaviru non ferma la sanità dei trapianti e la famiglia di Graziana Mattei, morta a 41 anni per aneurisma, ha deciso di dare l’assenso per l’espianto degli organi.

L’equipe proveniente dall’ISMETT di Palermo, con i medici di Ragusa, coordinati dal dott. Luigi Rabito, ha effettuato le operazioni per il prelievo dei polmoni, che salveranno la vita di una ragazza palermitana da giorni collegata ad apparecchiature e tenuta in vita in attesa di un possibile trapianto. I reni saranno trapiantati a due pazienti, uno presso l’ISMETT e uno al Policlinico di Catania. Il fegato salverà un bambino di Roma e un altro paziente in attesa all’ISMETT di Palermo. Alla donna sono state espiantate anche le cornee che saranno trasportate alla banca delle cornee di Mestre.

In un momento così difficile un gesto di generosità talmente importante non deve passare inosservato e per questo ringraziamo la famiglia della paziente con sincera emozione, e gli operatori guidati dal dott. Rabito, che incessantemente da ieri mattina hanno svolto questo difficilissimo compito.