“L’attesa del piacere è essa stessa piacere”… così attendiamo…

157

“Con tutti i presidenti di Regione italiani siamo tornati a riunirci adesso, a tarda notte, con il presidente del Consiglio Conte. Rivendichiamo il diritto di fare ripartire le attività economiche e iniziare il graduale ritorno alla normalità. Serve responsabilità. E chiediamo al governo centrale di recepire le nostre linee guida adottate da tutte le Regioni italiane. La mia ordinanza è già predisposta. Nessuno vuole fare strappi, ma la gente inizia a non capire”. Lo scrive sulla sua pagina di Facebook, intorno all’una di notte, il presidente della Regione Nello Musumeci, che proprio qualche ora prima aveva postato il seguente messaggio: “Il governo nazionale non ha ancora trasmesso (alle 22.30) a noi presidenti di Regione il decreto necessario per disciplinare le riaperture. La mia ordinanza è comunque pronta per la firma ed estende – come avevo promesso – il più possibile l’esercizio delle attività, forti delle attuali condizioni sanitarie nella nostra Isola. Su questo punto, Roma ha dovuto ascoltarci. Per evitare spiacevoli sorprese (fidarsi è bene ma…) aspettiamo comunque di confrontarci con le disposizioni nazionali, che dovrebbero arrivare in nottata. La #Sicilia è pronta alla ripartenza, nella responsabilità di ognuno”.

Nell’ordinanza che il governatore siciliano sta predisponendo, è confermata, a partire da domani 18 maggio, la riapertura dei servizi alla persona (parrucchieri, estetisti, etc), di tutto il commercio al dettaglio e dei mercati. E’ prevista per il 25 maggio la riapertura dei musei, dei Parchi archeologici e degli archivi storici. Dal 3 giugno ci sarebbe anche la ripartenza dell’organizzazione wedding, quindi del catering.