Al via il processo per la morte di Antonino Scifo

286

Per la tragica morte bianca, a soli 52 anni, di Antonino Scifo, di Pozzallo, per la quale la Procura di Ragusa ha chiesto il processo per il suo datore di lavoro, sarà valutato anche un eventuale coinvolgimento del proprietario del capannone teatro della fatale caduta dal tetto. 

Nell’udienza preliminare tenutasi ieri, giovedì 10 settembre, in tribunale a Ragusa, il giudice dott. Andrea Reale ha infatti accolto la richiesta dell’avvocato Alfredo Vinciguerra, che assiste i familiari della vittima insieme a Studio3A-Valore S.p.A, e attraverso il quale essi si sono costituiti tutti parte civile, di verificare se sussistano responsabilità concorsuali nella causazione della tragedia anche da parte del committente dei lavori, per l’appunto il proprietario dell’immobile su cui il lavoratore stava operando, dando mandato al Pubblico Ministero titolare del relativo procedimento penale, il dott. Gaetano Scollo, di procedere con gli opportuni accertamenti in questo senso, e rinviando quindi il dibattimento all’udienza del 14 gennaio 2021.

Il dramma si è consumato il 22 novembre 2018, alle 14, in contrada Fargione, nella zona industriale di Marina di Modica, in un capannone appena aggiudicato all’asta e su cui l’omonima impresa edile dell’imputato, per la quale la vittima lavorava, aveva ricevuto l’incarico di eseguire dei lavori di ristrutturazione, tra cui la manutenzione della copertura dell’immobile. L’operaio era salito con il castello elevatore sul tetto dove doveva posare della guaina cementizia, ma all’improvviso la parte in ondulina di fibra cemento ha ceduto e il cinquantaduenne è sprofondato di sotto, facendo un volo di oltre dieci metri che purtroppo non gli ha lasciato scampo: l’uomo, nell’impatto a terra, ha battuto violentemente il capo ed è morto praticamente sul colpo, a nulla è valso l’intervento dei sanitari del 118.

L’operaio ha lasciato la moglie, due figlie poco più che maggiorenni, gli anziani genitori e due fratelli,.

Al titolare dell’impresa viene contestato di aver cagionato la morte del suo operaio per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e violazione di legge”: in particolare, “di aver omesso di verificare la resistenza della copertura del tetto del capannone e di predisporre qualsiasi dispositivo di protezione individuale e collettiva anti caduta, e di non aver redatto alcun piano operativo di sicurezza”. In relazione alla richiesta del Sostituto Procuratore, il Gup dott. Reale ha quindi fissato l’udienza preliminare tenutasi ieri che, come detto, è stata rinviata al 14 gennaio prossimo per dare modo alla Procura di acclarare se anche il proprietario del capannone possa essere corresponsabileper queste o altre violazioni.