Notte trascorsa in auto e nuove scosse al largo della Sicilia

4300

Sono diverse le persone che in provincia di Ragusa e di Siracusa hanno trascorso la notte in auto per paura di una nuova scossa.

Quando ieri sera, poco prima delle 21,30, la terra ha tremato in maniera vigorosa, in centinaia si sono riversati in strada, nelle aree di raccolta.

Un gruppo di auto ha sostato nel piazzale del mercato del mercoledì. Qualcuno è poi rientrato, ma qualcun altro ha preferito non rientrare in casa.

E c’è chi ha dovuto chiamare i vigili del fuoco per tornare nella propria abitazione. Con la fretta, infatti, non aveva preso le chiavi di casa e non poteva più rientrare.

Nessun danno, come detto, a persone o cose. Le verifiche sono in corso in tutte le città. I sindaci di Comiso e Modica e la commissione straordinaria di Vittoria hanno deciso di tenere chiuse le scuole per la giornata di oggi per effettuare le verifiche. Pur non essendoci lezioni oggi in buona parte degli Istituti, le scuole restano comunque aperte per le segreterie e altre attività dei docenti.

A Modica chiusa oggi e domani la biblioteca per le necessarie verifiche.

Due scosse si sono registrate al largo delle Eolie, una stanotta e una questa mattina.