Inscenò il ritrovamento di un neonato, giudizio immediato per macellaio

676
Immagine di repertorio tratta dal web

La Procura di Ragusa ha chiesto il giudizio immediato per il commerciante che inscenò il ritrovamento di un neonato, che si è rivelato essere suo figlio, a Ragusa. Dovrà rispondere di abbandono di minore.

Posizione separata per la madre del piccolo, che è stata indagata per concorso in abbandono di minore e la cui posizione è ancora al vaglio degli inquirenti.

Il 4 novembre del 2020 l’uomo si era recato a Modica rispondendo alla richiesta di aiuto della ex compagna.

La donna aveva appena partorito un bimbo. Il commerciante non sapeva che la donna fosse incinta e nemmeno che il piccolo fosse suo figlio. Prese il bambino e invece di portarlo in ospedale decise di inscenare l’abbandono e il ritrovamento davanti alla sua macelleria in via Saragat a Ragusa, circostanze ammesse da lui stesso.