Piromane seriale arrestato dalla Polizia

861

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato – Squadra Mobile, ha arrestato un soggetto M.G. di anni 39, responsabile di molteplici e gravi danneggiamenti procurati mediante incendi ai condomini del suo stesso stabile.

La Misura Cautelare, disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ragusa, è scaturita a seguito dell’ultimo attentato incendiario avvenuto lo scorso mese di Gennaio nei pressi di uno stabile a Ragusa. In quell’occasione, il tempestivo intervento di una pattuglia della Sezione Volanti, e subito dopo dei Vigili del Fuoco, aveva evitato danni ulteriori, e contestualmente aveva permesso di accertare la natura dolosa dell’incendio delle due autovetture prese di mira.

Le immediate indagini avviate dalla Squadra Mobile, compresa l’accurata e certosina analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza installate nella zona, permettevano di identificare l’autore degli attentati incendiari: ne emergeva una vera e propria sequenza di incendi e danneggiamenti, che avevano interessato diverse autovetture parcheggiate negli stalli condominiali dello stabile in cui abitava il soggetto arrestato e che erano state regolarmente denunciate dai condomini sin dal mese di Gennaio del 2020, fino all’ultimo episodio, risalente allo scorso Gennaio.

Il soggetto aveva posto in essere un disegno criminoso preciso e sempre più efficace, dettato da vecchi rancori legati a dissidi personali per problemi di parcheggio, creando un vero allarme sociale; le vittime erano state costrette a cambiare le loro abitudini di vita e a trovare ogni giorno posti diversi per parcheggiare le proprie autovetture per paura che venissero prese di mira.

Presso il domicilio del soggetto sono stati rinvenuti gli stessi indumenti utilizzati durante gli attentati incendiari e materiale idoneo per appiccare incendi.

Dopo le formalità di rito, il soggetto, in ottemperanza a quanto stabilito nell’ordinanza cautelare, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, a disposizione della A.G.