Ragusa, si lavora per ‘recuperare’ il cuore del centro storico

339
“In pieno centro, dove al momento sono stati censiti appena 12 residenti e innumerevoli ruderi fatiscenti, sorgerà un nuovo e rigenerato quartiere con alloggi a canoni calmierati per rappresentanti delle forze dell’ordine e non solo, spazi aggregativi e piazze su più livelli, sala teatrale, uffici, servizi, botteghe, palestra, parcheggi interrati. Insomma: un quartiere come una volta”. A comunicarlo è il sindaco di Ragusa, Peppe Cassì.
“Nell’ambito del bando del Mit “Qualità dell’abitare”, Ragusa, unica in Sicilia insieme a Messina, ha infatti ottenuto il finanziamento di 3 progetti su 3 presentati, indipendenti ma interconnessi, per riqualificare l’area oggi degradata e desertificata compresa tra il Tribunale, Ponte San Vito, via S.Anna, via Gen. Dalla Chiesa.
Abbiamo così ottenuto un finanziamento complessivo da circa 42 milioni di euro, figlio delle buone pratiche di Ragusa, che ci permetterà di rendere un’ampia area del centro di nuovo abitabile, attrattiva, funzionale; colorata con tetti verdi in rimando alla Vallata Santa Domenica a cui sarà collegata come un vero parco.
È un ulteriore innesco per invertire la spinta espansiva che Ragusa ha subito, tornando a riqualificare il centro in una visione strategica che si completa con le rigenerazioni già in atto di Teatro Concordia, ex biblioteca di via Matteotti, Centro Commerciale Culturake, Piazza Mons. Tidona, Piazza del Popolo, Scalo Merci, Vallata Santa Domenica, Illuminazione della Cattedrale e del Centro, nuovo arredo di via Roma.
Servirà un anno per definire la progettazione di questo triplice intervento, poi tutta l’area sarà demolita.
Lavoriamo ancora una volta a recuperare il cuore di Ragusa abbandonato da decenni. Ci vorrà tempo e i risultati si vedranno negli anni, ma la pazienza e la determinazione non ci mancano.
Non viviamo di politica, siamo di passaggio come chiunque faccia questo mestiere, ed è per me un orgoglio che questa amministrazione operi con lungimiranza per il futuro della città”.