Una casa per Tina e Drum: l’appello del canile di Vittoria

370

Il loro proprietario è scomparso improvvisamente un mese fa e Tina e Drum, così si chiamano questi due cani, sono rimasti soli, senza nessuno che potesse accudirli. L’unica soluzione che si è trovata nell’immediato è stata accoglierli al canile municipale di Vittoria, ma ovviamente si è trattato del male minore. Oggi gli operatori della Pensieri Bestiali, l’associazione che gestisce il canile in convenzione con il Comune, si stanno adoperando per cercare loro una sistemazione migliore, una nuova casa. Questo l’appello lanciato sulla pagina Facebook dell’associazione: “Ci piacerebbe trovare un’adozione locale per Tina e Drum, magari qualcuno che già li conosce, un amico dell’ex proprietario. Lui purtroppo oggi non c’è più, ma in passato ha fatto tanto per il canile di Vittoria, abbiamo condiviso gioie e dolori, idee e progetti. Ci piacerebbe fargli questo regalo… aiutateci a farlo”.

Quella di Tina e Drum è una storia particolarmente triste, perdere il loro compagno umano e passare da un giorno all’altro da una casa a un box è stato un trauma. “Tina ha circa otto anni, Drum uno, non vogliamo che trascorrano il resto della loro vita in canile”, afferma Michele D’Agati, presidente della Pensieri Bestiali. “Ma, oltre a loro due” continua D’Agati, “sono tantissimi i cani che finiscono in canile a seguito di abbandono, affollando ulteriormente strutture già strapiene. Questo succede a Vittoria come a Ragusa, dove la mia associazione ha in gestione i servizi complementari del rifugio sanitario. Noi facciamo del nostro meglio per trovare una via d’uscita dal box per ciascuno di loro, ma è necessario che si diffonda sempre di più la cultura dell’adozione tra la cittadinanza. Venite a visitare i canili, sono sicuro che troverete il compagno giusto. Offrirete non solo un’opportunità a loro, ma aiuterete anche noi operatori a migliorare le condizioni di vita di quei cani che, purtroppo, hanno scarse o nulle possibilità di essere adottati”.