Ordigno bellico in contrada Cifali. Ecco come verrà fatto brillare

638
Immagine di repertorio

Martedì prossimo 19 ottobre, saranno gli artificieri del 4° Reggimento Genio guastatori di Palermo ad effettuare le operazioni di neutralizzazione e trasporto in un sito sicuro del residuato bellico, precisamente un proietto perforante di artiglieria di grandi dimensioni risalente alla seconda guerra mondiale, rinvenuto in pessimo stato di conservazione lo scorso 21 settembre in un terreno agricolo in contrada Cifali, territorio a cavallo tra i Comuni di Chiaramonte Gulfi e Comiso.

Isolata e messa in sicurezza l’area sin dal momento della segnalazione  su disposizione della  Prefettura che di seguito, assumendone il coordinamento, ha avviato le previste procedure per l’attivazione dei vari interventi da porre in essere attraverso il coinvolgimento, oltre che degli artificieri,  delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e dell’Azienda Sanitaria Provinciale nonché dei due Comuni interessati.

Al fine di assicurare le condizioni di massima sicurezza, tutte le attività propedeutiche al disinnesco e al brillamento dell’ordigno sono state concordate  nel corso delle diverse riunioni che si sono tenute al riguardo, di cui l’ultima ieri, durante la quale sono state definite nei dettagli tutte le fasi, a partire dalla individuazione del raggio di sicurezza, necessaria per  la predisposizione di idonee misure a salvaguardia della pubblica e privata  incolumità.

Particolare attenzione, infatti, è stata posta dal Dipartimento di Protezione Civile in collaborazione con i competenti servizi comunali alle attività di verifica circa l’eventuale presenza nella zona c.d. a rischio di abitazioni o aziende sulla base della quale gli stessi Uffici non hanno ravvisato l’esigenza di prevedere alcun piano di evacuazione, risultando l’area priva di stabili insediamenti abitativi.

Le operazioni avranno inizio alle 6,30 di martedì prossimo 19 ottobre per essere completate – come da previsione – entro le 18,30 della stessa giornata  e per l’intera durata delle stesse sono stati disposti il divieto di transito lungo la strada provinciale Comiso-Chiaramonte Gulfi dal Km. 4,000 al Km. 4,700 compresa l’attigua rotatoria denominata “Serravalle”, l’interdizione dello spazio aereo preventivamente individuato d’intesa con le autorità competenti nonché la chiusura del vicino aeroporto di Comiso.

Previste quindi in tutto 12 ore d’intervento, necessarie non solo il disinnesco e per la bonifica dell’area ma anche per il trasporto dell’ordigno presso una cava appositamente individuata per il brillamento.