Vittoria, minorenne litiga con i genitori e aggredisce il padre con una spranga

3422
Immagine di repertorio

La Polizia di Stato ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto un ragazzo minorenne, che nel corso di un litigio, scaturito per futili motivi, ha aggredito il padre colpendolo alla testa con una spranga metallica.

Nello specifico la mattina del 26 ottobre 2021, personale del Commissariato di P.S. di Vittoria è intervenuto presso il locale ospedale cittadino dove era giunto, in codice rosso, un uomo con ferita alla testa che era stato ricoverato in prognosi riservata. Gli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, hanno avviato immediati accertamenti che hanno consentito di apprendere che l’uomo era stato aggredito dal proprio figlio sedicenne, al culmine di una lite familiare, scaturita per futili motivi, a seguito della quale il ragazzo aveva afferrato una spranga metallica e con la stessa aveva colpito il padre, per poi fuggire via facendo perdere le proprie tracce. Gli agenti, dopo aver ricostruito la dinamica dell’episodio, hanno avviato opportune ricerche e nel pomeriggio sono riusciti a rintracciare il minore che è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per il reato di tentato omicidio.

Pertanto, alla luce dei fatti, il ragazzo è stato condotto presso il Centro di Prima Accoglienza per Minorenni di Catania a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.