Chiaramonte, Gaetano Iacono annuncia la sua candidatura a sindaco

196

Ha scritto una lettera aperta alla città – colma di passione e speranza – per annunciare la sua candidatura a sindaco. Gaetano Iacono – docente e ricercatore universitario – rappresenterà un progetto civico nato dalla voglia di dare una prospettiva, nuova e diversa, a Chiaramonte nella tornata elettorale che si svolgerà il prossimo anno. Lo slogan scelto da Iacono è “Chiaramonte in testa”, nato dalla passione per la città e dalla volontà di riportare – nel posto che merita – l’intera comunità.

“In un periodo come quello attuale – dice Iacono – fatto di unione e di buoni propositi per il nuovo anno ho voluto prendere carta e penna e raccontare la promessa che ho fatto a me stesso per il futuro. La promessa è quella di rendere questa comunità di nuovo viva, vivibile e vincente. Viva perché provo sincera rabbia nel vedere i giovani ed interi nuclei familiari emigrare; vivibile perché dobbiamo pretendere servizi comunali e provinciali decisamente migliori, a partire dalla viabilità, dalle manutenzioni sino alla distribuzione idrica; vincente perché Chiaramonte ha un insieme di eccellenze (penso all’agricoltura, all’olio, al vino, alla cultura, alla natura) che debbono farla divenire protagonista sotto il profilo economico e turistico”.

“Il nostro progetto civico è aperto a tutti i chiaramontani che non si rassegnano e a tutti coloro i quali credono nelle competenze, nella passione disinteressata per il bene comune, nel futuro. I prossimi cinque anni saranno cruciali. Ci sono tante opportunità come i finanziamenti del Pnrr che devono essere intercettati e spesi per lo sviluppo infrastrutturale ed economico, ci sono i finanziamenti europei, nazionali e regionali che soltanto grazie a un gruppo di lavoro capace e strutturato possono essere incamerati e spesi per la comunità”.

“Nelle prossime settimane inizieremo a parlarvi del nostro programma amministrativo e ci confronteremo con tutti i cittadini, raccogliendo istanze e spunti. Adesso è arrivato il momento di tornare a guardare al futuro con Chiaramonte in testa!” conclude Iacono.