Sant’Agata: al via i festeggiamenti in onore della Santa Patrona di Catania

160

Secondo il programma diramato dall’Arcidiocesi e dall’amministrazione comunale di Catania in occasione della festa di Sant’Agata nei giorni 3, 4, 5 e 12 febbraio sono previste soltanto le celebrazioni liturgiche all’interno della cattedrale; in particolare la messa dell’aurora e il solenne pontificale, dei giorni 4 e 5 febbraio, si svolgeranno all’interno della basilica, senza la partecipazione dei fedeli. L’ingresso sarà consentito, oltre al sindaco facente funzioni, solo ed esclusivamente ai prelati officianti e a un numero limitato di addetti all’organizzazione e di operatori televisivi.

Il busto reliquiario di Sant’Agata sarà esposto alle porte del sacello che lo custodisce e dove, a conclusione di ogni singolo momento liturgico, verrà nuovamente riposto. Gli eventi saranno trasmessi in streaming sui canali Facebook e Youtube dell’Arcidiocesi e rimandati in onda dalle emittenti.

La cattedrale rimarrà aperta nei giorni 3, 4, 5 e 12 febbraio dalle 8 fino alle 20.30, senza l’ostensione del simulacro della Santa e la celebrazione delle messe si svolgerà negli orari previsti dalla Curia. Per queste celebrazioni all’interno della Cattedrale ci si atterrà alle norme sanitarie vigenti in materia circa il numero massimo di fedeli ammessi (350).

Proprio in ragione del prevedibile flusso di fedeli, è stato previsto un consistente numero di funzioni religiose nei tre giorni, al fine di assicurare un ampia partecipazione dei devoti, nel rispetto delle misure anti Covid.

All’esterno è stato previsto un dispositivo di vigilanza rafforzato in piazza Duomo per tutti i tre giorni di celebrazioni, negare il passaggio ai turisti o a chi vi debba transitare per altri motivi.