Al Giovanni Paolo II di Ragusa apre il Laboratorio di Genetica

450

Sarà inaugurata sabato 26 marzo 2020 alle ore 13.00 la nuova sezione di Laboratorio Genetica dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Nella prima mattinata, a partire dalle ore 9.00 nella sala Avis, a corredo dell’iniziativa di apertura della nuova sezione si svolgerà il convegno “Il laboratorio di genetica medica tra presente e futuro”.

Il corso si propone di informare gli specialisti del settore e i medici di base sui nuovi percorsi diagnostici in atto nel nuovo Laboratorio di Genetica Medica dell’ASP di Ragusa, sulle precise indicazioni e sull’appropriatezza prescrittiva in relazione alle raccomandazioni e alle linee guida nazionali, nonché sulla corretta interpretazione dei risultati, tenendo conto della clinica e dell’anamnesi personale. Al convegno parteciperanno genetisti di rilevanza nazionale provenienti dai Policlinici Universitari nazionali e siciliani.

Il Laboratorio di Genetica Medica sarà diretto dal dottor Giuseppe Barrano, dirigente biologo e genetista, che vanta un’ottima esperienza maturata nell’Unità di Genetica Medica dell’ospedale San Pietro Fatebene Fratelli di Roma, di cui è stato il direttore.

La struttura si posiziona in maniera trasversale a tutte le branche mediche, fra le quali, citando soltanto le più interessate, l’Ostetricia e la Ginecologia per la diagnosi prenatale e il supporto alle coppie inserite nei percorsi di fecondazione medicalmente assistita e per la poliabortività, la Neonatologia, la Pediatria e la Neuropsichiatria infantile per la diagnosi precoce di malattie rare e dei disturbi comportamentali in età pediatrica. Nel campo dell’Ematologia il laboratorio di genetica ha un ruolo nella diagnosi delle malattie oncoematologiche e soprattutto nel monitoraggio della malattia residua per la diagnosi precoce di patologie genetiche. Anche la Neurologia è interessata per la diagnosi delle malattie neurodegenerative. Inoltre, il Laboratorio di Genetica Medica svolge un ruolo primario di supporto all’Oncologia per lo studio a livello germinale dei tumori eredo-familiari, per la prognosi e la terapia mirata nei pazienti oncologici; questo in relazione all’offerta diagnostico-terapeutica che, nell’ambito del carcinoma della mammella, l’Azienda è chiamata a garantire, così come previsto dal  Progetto Regionale che identifica l’ASP di Ragusa quale Centro di riferimento della Rete oncologica senologica regionale “Breast Unit”.