Comiso, approvati i progetti per potenziare i “Servizi Sociali, alla disabilità e alla marginalità sociale”

130

Approvati tutti i progetti relativi al potenziamento dei “Servizi Sociali, alla disabilità e alla marginalità sociale” del Comune di Comiso.

“Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Decreto n. 98 del 09.05.2022, ha approvato gli elenchi dei progetti degli Ambiti Territoriali Sociali ammissibili a finanziamento nazionale tra cui tutti quelli presentati dal nostro distretto socio-sanitario in associazione con il distretto di Modica per un importo inter distrettuale complessivo di € 2.726.500,00 – spiega l’assessore ai servizi sociali Giuseppe Alfano-. Sono stati presentati 4 progetti, tutti approvati, che daranno beneficio ai cittadini dei 7 Comuni coinvolti (Vittoria, Comiso, Acate, Modica, Scicli, Pozzallo, Ispica) per le seguenti azioni: “Sostegno alle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti, sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini.  Percorsi di autonomia per persone con disabilità”, progetto individualizzato, Abitazione, Lavoro.

“Housing temporaneo e stazioni di posta per le persone senza fissa dimora”, per n. 2 Linee di intervento: 1.3.1 “Povertà estrema – Housing first”. L’obiettivo è quello di fornire ai beneficiari strumenti necessari per iniziare un processo di costruzione/ricostruzione del proprio percorso di vita. Il progetto è risultato 3° in graduatoria in Sicilia. Ed in fine – ancora Alfano – il progetto “Povertà estrema – Stazioni di posta” che prevede la realizzazione di n. 3 alloggi/appartamenti per offrire un’assistenza alloggiativa temporanea a soggetti con difficoltà economica ovvero in stato di senza fissa dimora, è risultato 5° in graduatoria in Sicilia. E’ un grande risultato – conclude Giuseppe Alfano – che ci consentirà di intervenire presso le categorie più deboli della nostra comunità perché nessuno debba restare indietro”.

 

“Grande soddisfazione da parte mia e un grande plauso – aggiunge il sindaco Maria Rita Schembari – all’assessore e alla dirigente, Tina Guastella, e tutti i suoi uffici dei servizi sociali di Comiso, per la capacità che hanno avuto di intercettare tali fondi.Sono periodi in cui i comuni hanno , purtroppo, un gettito economico sempre più ridotto da parte degli organismi centrali , né i cittadini riescono a versare tutte le imposte che dovrebbero. Di conseguenza – ancora il primo cittadino – attingere a questi finanziamenti per potere mantenere alto il livello di assistenza delle persone che hanno più bisogno, dimostra una capacità di gestione che deve inorgoglire tutti noi. Sia gli amministratori, sia i cittadini”.