Sindaco Marino, trovi un posto per le bandiere Arcobaleno!

197

Tanto tuonò che piovve!

Un cittadino, in modo garbato, manda una lettera al sindaco di Scicli e per conoscenza agli organi di informazione chiedendo che sul prospetto di Palazzo di Città sventolino esclusivamente le tre bandiere istituzionali, quella siciliana, quella italiana e quella della Comunità Europea, chiedendo di rimuovere quelle della Pace e di Arcigay che erano state apposte un anno e mezzo fa.

Il sindaco di Scicli ha provveduto proprio oggi alla rimozione di queste ultime due, precisando, in modo altrettanto garbato, che era già suo intendimento farlo proprio perché sul prospetto del palazzo di città ne devono sventolare solo tre (quelle indicate in precedenza). Il primo cittadino di Scicli Mario Marino chiarisce che i tanti impegni istituzionali e amministrativi post elezione avevano impedito di trovare il tempo per procedere alla rimozione ed addirittura anche di volgere il suo sguardo al prospetto di Palazzo di città, tanto è stato impegnato con questioni amministrative.

Ma oggi, a distanza di qualche giorno dalla richiesta del cittadino proponente, il sindaco di Scicli ha trovato questo tempo per provvedere e così le bandiere della Pace e di Arcigay non sono più esposte.

Allora proprio per essere propositivi sulla vicenda, chiediamo se entrambe le bandiere rimosse possano essere esposte all’esterno di un altro Palazzo che appartenga all’istituzione comunale di Scicli.

Perché così sembra che un anno e mezzo fa quando è stata assunta questa decisione sia stato compiuto un errore!

Allora per sostenere con gli atti, e non solo con le parole, quanto dichiarato dal primo cittadino Mario Marino di sua ‘disponibilità’ ad Arcigay dopo aver incontrato una delegazione, – in altre circostanze chiariamo, non legate a questa vicenda – gli chiediamo dove si possono collocare queste bandiere affinchè siano ben visibili nel pieno rispetto di ciò che rappresentano?

Rimaniamo in attesa di una risposta da parte del primo cittadino, se riterrà ovviamente la nostra domanda degna di attenzione, così da fugare paventate ‘contrapposizioni’ tra le parti che i malpensanti vorrebbero subito instillare, ma che nei fatti – così come emerge dalle parole del sindaco Marino – non sono state affatto espresse!

Si è assolutamente consapevoli che le polemiche fini a se stesse non servono a nulla e siamo certi che le azioni, soprattutto quelle di un sindaco che rappresenta una comunità, sono molto più vigorose, esplicite e forti agli occhi di tutti!

In una moltitudine di occasioni abbiamo sentito sindaci, appena eletti, dichiarare che avrebbero rappresentato non solo quella maggioranza di popolazione che li aveva votati, ma tutta la comunità.

Ecco, adesso è il momento di provarlo e sarà già un buon inizio della sindacatura di Mario Marino!