Lista di +Europa per le amministrative, con l’area progressista e alternativa a Cassì

319

In campo alle prossime amministrative per il rinnovo della carica di sindaco e del consiglio comunale ci sarà anche la lista di +Europa a cui ha aderito anche l’ex vice sindaco Massimo Iannucci. L’area con cui dialoga è quella progressista e alternativa all’attuale amministrazione di centrodestra guidata da Peppe Cassì.

+Europa è una novità per il capoluogo ibleo, dove la forza progressista sbarca con i migliori intenti e obiettivi; la sezione, forte di parecchie decine di tesserati solo in questo ultimo periodo, ed in continua crescita, risulta ad oggi un circolo numeroso rispetto alle media regionale e punta a essere il riferimento dell’intera compagine isolana oltre che il motore di traino della direzione del partito in Sicilia. La sezione conta in buona parte su soci under 30 ed ha eletto per il direttivo dei giovanissimi: infatti, a ricoprire le cariche di coordinatore e segretario, saranno rispettivamente Marco Schembri, 25 anni, e Federico Androne, 22 anni.

“Come forza politica – spiegano – siamo pronti al dialogo e al confronto, coerentemente con le scelte nazionali, con i soggetti dell’area progressista e riformista. Siamo pronti a partecipare a una coalizione che possa dare un’alternativa forte per la città. Siamo entusiasti e orgogliosi che si sia unito al nostro progetto politico anche Massimo Iannucci, già vicesindaco della città, in qualità di tesoriere della nostra sezione. Persona che si spende da anni per la politica locale e che ha contribuito attivamente alla crescita del nostro Comune. Siamo sicuri che saremo arricchiti dell’esperienza di Massimo e che, grazie a lui, ci sarà un vero confronto e lavoro intergenerazionale per come lo intendiamo”.

“Ho aderito con piacere – dichiara dal canto suo Massimo Iannucci – mantenendo ben saldi i principi ispiratori che hanno portato alla creazione di questo partito, l’obiettivo è ampliare l’ambito progettuale ad altre tematiche rilevanti ed espandere il radicamento di +Europa sul territorio dando voce e casa ai progetti civici. Ritengo inoltre che possa e debba essere capace di unire la sua visione europeista con uno spettro ampio di istanze dei cittadini e delle comunità in cui essi vivono ed in questo l’esperienza degli amministratori locali sarà cruciale nel promuovere un ambito politico più pragmatico”.

I temi portati avanti da +Europa vanno dalla transizione digitale ed ecologica al sostegno al mercato e al lavoro, dall”europeismo alle lotte per i diritti civili e l’uguaglianza di genere.

Schembri e Androne concludono annunciando grandi opportunità per la sezione e la città: “La sezione di Ragusa potrà presto essere di riferimento per il partito nella Sicilia sud-orientale, e più avanti per tutta quanta la regione. Ci stiamo già attivando per far sorgere un coordinamento regionale di +Europa, in cui Ragusa avrà un grande peso. Poi a febbraio l’avventura del congresso nazionale, al quale parteciperemo con dei nostri delegati eletti, in ordine di due/tre persone della sezione iblea”.