Cassì presenta la sua coalizione. Non sono previsti altri ingressi

491

Abbiamo messo in piedi una coalizione ben assortita in cui sono rappresentate tutte le generazioni, alcuni già con esperienza politica altri meno, ma tutti condividono con me valori e principi, gli stessi contenuti nella Carta che abbiamo appositamente redatto per avere un unico strumento a cui riferirci”. Così ha esordito l’uscente primo cittadino di Ragusa, Peppe Cassì in occasione della conferenza stampa di presentazione della coalizione che lo sostiene rappresentata esclusivamente da formazioni civiche: CassìSindaco con Andrea Tumino e Partecipiamo con Giovanni Iacono nel segno della continuità, a cui si sono aggiunte Ragusa Prossima e le neo costituite, per l’occasione, Terra Madre e De Luca per Ragusa.

Nel suo intervento, Cassì ha rimarcato l’intento di agire nell’ottica della continuità amministrativa alla luce del lavoro compiuto e che in parte dovrà essere completato, a cui si aggiungerà il valore portato da nuove idee e progetti da parte di forze alleate.

Oltre ai ringraziamenti di rito ad assessori e consiglieri di maggioranza, Cassì ha speso parole, quasi per argomentare l’alleanza sancita, nei confronti di Ragusa Prossima perché presente sempre in aula con il suo consigliere a fare opposizione costruttiva e propositiva, e nei confronti della neo costituita Terra Madre con consiglieri fuoriusciti dai partiti dove erano stati eletti e confluiti nel gruppo misto di Palazzo dell’Aquila, prima dell’annuncio di oggi. Anche loro perché hanno portato avanti un’opposizione di proposta e di sollecito nella non condivisione dell’agire politico dell’amministrazione.

Su precisa domanda, Cassì ha anche spiegato che la coalizione è completa, dunque non sono previsti ulteriori ingressi e che ad oggi non si è parlato di attribuzione di assessorati e deleghe, ma ha garantito che – nonostante la presenza di oggi non riflettesse questa immagine – nella futura giunta ci sarà un congruo numero di donne.

Il lavoro del sindaco è bello perché è tangibile, se abbiamo lavorato bene o male si vede nell’immediatezza e i cittadini possono riconoscerlo tra pochi mesi, da sportivo mi sottopongo al vaglio delle persone”.

Coerente e lineare l’intervento di sostegno da parte di Andrea Tumino in rappresentanza di Cassìsindaco, al pari di quello di Giovanni Iacono con Partecipiamo, organici alla squadra da cinque anni, tra giunta e maggioranza, dunque nulla di nuovo sotto il sole.

È stata poi la volta di Giorgio Massari che ha spiegato la decisione di sostenere Peppe Cassì, dopo aver dialogato con tutti, in quanto a suo dire: “Ragusa ha bisogno di due cose: continuità amministrativa presupponendo l’apertura a nuove domande poste dalla città e innovazione. Dopo cinque anni di opposizione adesso passiamo ad un percorso di costruzione e secondo noi non c’è alcuna contraddizione. Cinque anni fa siamo stati votati per fare opposizione e lo abbiamo fatto seguendo la nostra idea di città. Oggi abbiamo scelto di lavorare per costruire, convergendo sul progetto civico puro proposto da Cassì”.

A offuscare questo clima di idillio e convergenza, le parole di Saverio Buscemi in rappresentanza di De Luca per Ragusa: “La forza della nostra lista risiede nel fatto che non ci sono persone che hanno fatto politica attiva a Ragusa. Questo ci permette di poter essere in armonia con l’amministrazione se riconosciamo che si lavori nell’interesse della città e di essere in discontinuità per ciò che si può fare meglio. Attenzione, una discontinuità propositiva, critica e costruttiva, sempre leale all’interno della coalizione”. Concetto ribadito più e più volte nel corso del suo intervento, non capendo, almeno noi, la parte innovativa di questa posizione, se è vero come è vero che c’è democrazia, c’è confronto e c’è dialogo in qualunque formazione politica o amministrativa, che sia partitica o civica poco cambia. Ma Saverio Buscemi ci ha tenuto a ribadirlo così che nessuno possa mai sostenere che non abbia citato l’anima critica ma costruttiva che rappresenta.

A chiudere Giovanni Gurrieri, oggi Terra Madre, dopo un passaggio al Gruppo Misto in consiglio, dove era stato eletto cinque anni fa tra le fila dei Cinque Stelle: “Da subito con il sindaco ci siamo trovati in sintonia e già allora dissi che non mi sarei fermato a logiche di opposizione e così ho fatto”.