Abbandono dei rifiuti, vertice in Prefettura

110

L’abbandono indiscriminato dei rifiuti e la presenza di numerose discariche abusive nel territorio provinciale. Di questo si è discusso ieri nel corso di una Conferenza di Servizi presieduta dal prefetto, Giuseppe Ranieri.

La conferenza, cui hanno partecipato i Sindaci della provincia, il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale, il Dirigente del competente Compartimento ANAS, i vertici delle Forze di Polizia, il Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale ed il Presidente della società SRR-ATO 7 – Servizi di Rilevanza Regionale – Ambito Territoriale Ottimale, ha affrontato le problematiche causate dalle diverse situazioni che interessano i cigli delle arterie stradali, le piazzole, le aiuole ed in genere le aree attigue alle strade comunali, provinciali e statali di tutto il territorio.

Il quadro, impietoso, della situazione è stato fornito dalla Polizia di Stato che, a seguito di un’attività di prevenzione e contrasto disposta dal Questore di Ragusa,  tramite la Polizia Stradale ha tracciato un attento e capillare monitoraggio delle situazioni più critiche rilevate nei vari territori, cui è conseguita una prima e necessaria attività di rimozione da parte degli Enti competenti.

Certamente, però, la rimozione non è sufficiente da sola a fronteggiare il fenomeno ed il suo impatto ambientale essendo necessaria la ricognizione delle forze in campo sia sotto il profilo   strumentale e impiantistico che delle risorse umane nonché della verifica delle procedure amministrative, compresi i bandi di gara, al fine di realizzare economie di scala ed efficienza nelle azioni di prevenzione.

Il Prefetto ha quindi proposto di trovare delle piattaforme di condivisione sia sul piano tecnico sia sul piano gestionale politico-amministrativo. La proposta è stata apprezzata da tutti gli intervenuti.

Già nel corso della riunione è stata poi effettuata una prima ricognizione della situazione dei vari comuni sotto il profilo degli impianti esistenti e delle relative criticità e, con l’intervento del responsabile tecnico della società d’ambito SRR-ATO, sono state individuate le progettualità in via di formazione.

Al fine di favorire il coordinamento e la visione condivisa di priorità e criticità, il Prefetto ha dato disponibilità ad interloquire direttamente con la SRR offrendo un tavolo in Prefettura per un prossimo incontro da programmare a breve.