Associazione mafiosa e tentato omicidio, tre arresti a Vittoria

1979

La Polizia di Stato ha eseguito, lo scorso 4 giugno, alcuni fermi di indiziato di delitto emessi dalla direzione distrettuale antimafia per tentato omicidio aggravato e associazione mafiosa. 

Sono stati per ora raggiunti dai provvedimenti Biagio Cannizzo di 51 anni, Raffaele Giunta di 62 anni e Alessandro Pardo di 48 anni, tutti con pregiudizi penali. I provvedimenti sono stati adottati in quanto agli indagati sono stati contestati, in concorso tra loro, i reati di tentato omicidio ai danni dell’ex collaboratore di giustizia Roberto Di Martino e di associazione a delinquere di stampo mafioso.

In particolare, le indagini avviate dalla Polizia subito dopo il tentato omicidio – avvenuto il 25 aprile scorso a Vittoria – coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania e durate per oltre un mese, hanno permesso di ipotizzare nei confronti delle persone fermate la responsabilità nella commissione dellefferato agguato, avvenuto con armi da fuoco, nonché la sussistenza di una pericolosa organizzazione criminale armata di stampo mafioso, riconducibile alla stidda vittoriese”.

Lattività di indagine, corroborata da attività tecnica di intercettazione e tradizionali servizi di polizia giudiziaria, ha permesso di far ritenere il pericolo che allinterno dellassociazione criminale vi fosse lobiettivo delleliminazione fisica di un elenco di  persone che hanno collaborato con la Giustizia e che sono attualmente tornate a Vittoria, (tra le quali proprio Roberto Di Martino); e ciò – nellipotesi investigativa – con scopi di vendetta e al fine di consolidare il controllo esclusivo di tutti gli affari illeciti di interesse dellorganizzazione criminale su Vittoria e sullintera provincia di Ragusa.

Lattività di indagine ha permesso altresì di far luce sulla disponibilità di un numero considerevole di armi, anche da guerra, e sul possibile utilizzo delle stessa da parte di quelli che gli investigatori definiscono “associati alla consorteria mafiosa” per portare a termine il disegno criminoso dellorganizzazione e per acquisire il controllo di attività economiche cittadine attraverso attività estorsive poste in essere ai danni di numerosi imprenditori e commercianti.

A riscontro di ciò allatto della cattura, Biagio Cannizzo è stato trovato in possesso di un revolver 357 magnum con matricola abrasa e carica del relativo munizionamento.

Espletate le formalità di rito, i fermati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Catania – Bicocca e dopo la celebrazione delludienza è intervenuto provvedimento di convalida da parte del GIP sui fermi disposti ed eseguiti.

L’attività è ancora in corso e una più completa comunicazione sarà data al termine delle operazioni.