Festa di Santa Rita: bilancio dell’edizione 2024 e le novità della prossima

211

Si è svolta ieri pomeriggio la conferenza stampa convocata dall’Associazione Culturale Santa Rita-Vittoria per fare un bilancio dell’edizione 2024 e annunciare alcune importanti novità. Fra queste, il gemellaggio fra il Corteo Storico di Vittoria e quello di Cascia. 

La conferenza è iniziata con il saluto e le parole di padre Salvo Mallemi, parroco della chiesa San Biagio-Santa Rita che si è detto “contento per le iniziative portate avanti dall’Associazione”. A proposito della Sacra Rappresentazione dal titolo “Una rosa tra le spine” ha poi sottolineato: “da un punto di vista religioso è stata creata bella opportunità di conoscenza della vita della Santa e si è riusciti a trasmettere, alle tantissime persone presenti, il messaggio di riconciliazione, pace e perdono portato avanti da Santa Rita”. “Il testo è bello, pregnante. Il messaggio è giunto dritto al cuore dei presenti attraverso gli strumenti dell’arte. Abbiamo vissuto un momento anche catechistico molto forte, come quelli vissuti in altri momenti grazie alla presenza della Reliquia”. 

“Come avevo anticipato nella precedente conferenza- ha aggiunto il regista Andrea Traina- abbiamo dato vita ad una operazione del tutto nuova, inedita. Per noi è stato un salto nel vuoto, ma abbiamo ottenuto quello che mi auguravo: conquistare emotivamente il pubblico. Abbiamo registrato una partecipazione emotiva e per questo non posso che ringraziare tutto il cast. Naturalmente, c’è un margine di miglioramento sul quale lavoreremo sia dal punto di vista tecnico che sotto il profilo artistico. Diversamente da quanto avviene nel Dramma Sacro di Vittoria, i cui personaggi sono ormai noti a tutti, qui abbiamo raccontato una storia poco conosciuta con personaggi, che ruotano attorno alla vita della Santa, sconosciuti ai più. Nonostante tutto, siamo riusciti a entrare nel cuore degli spettatori”. 

“Ad un mese dalla fine delle celebrazioni- ha aggiunto il presidente Giuseppe Cassarino- siamo qui per tracciare un bilancio e fare degli annunci importanti. Sicuramente ci saranno delle modifiche al Corteo Storico, che quest’anno è giunto alla terza edizione. Per quanto riguarda la Sacra Rappresentazione, invece, confermiamo la regia di Andrea Traina che si è occupato e si occuperà anche del testo. Annunciamo poi una importante e prestigiosa collaborazione con Cascia: il prossimo mese andremo a siglare il gemellaggio Vittoria-Cascia che riguarda il Corteo Storico. Lavoriamo, inoltre, anche a siglare un gemellaggio relativamente alla Sacra Rappresentazione, che potrebbe essere messa in scena, quindi, direttamente nella città della Santa degli Impossibili”. 

“Come presidente- ha aggiunto- ringrazio la Regione Siciliana, che quest’anno ci ha concesso il patrocinio per entrambe le iniziative (Corteo Storico e Sacra Rappresentazione), l’Amministrazione Comunale di Vittoria, gli sponsor e le persone che hanno contribuito alla realizzazione degli eventi, oltre che gli amici che hanno creduto al progetto. A nome dell’associazione vi prometto che nel 2025 vi saranno grosse novità”. 

Presenti alla conferenza, inoltre, parte del cast della Sacra Rappresentazione, la segretaria Daniela La Lota e uno dei soci, Filippo Cavallo. 

“Ringraziamo il presidente Cassarino- ha detto La Lota- per il suo impegno nella guida dell’organizzazione di tutto il progetto. Il suo lavoro instancabile e la sua leadership son fondamentali per la crescita dell’associazione. Grazie anche a don Salvatore Mallemi per la fiducia dataci. Siamo già a lavoro per la prossima edizione”. 

“Il cast della Sacra Rappresentazione- ha aggiunto Cavallo- è stato strepitoso. Li abbiamo visti entrare nel ruolo e hanno portato in scena ciò che rappresenta Santa Rita: la non violenza, l’amicizia, l’umiltà. Siamo certi che il gemellaggio servirà a migliorarci”. 

L’attore Piero Gurrieri, che vestiva i panni del viandante, ha sottolineato come per tutto il cast sia stato un onore aver partecipato al progetto: “un giorno- ha detto- potremmo dire di esserci stati quando tutto questo è nato”.