La Cassazione decide: di nuovo a giudizio gli 11 imputati della Modica Bene

8

Torneranno davanti al Gup undici dei diciotto imputati della inchiesta denominata “Modica Bene” accusati di associazione per delinquere finalizzata alla concussione e al riciclaggio di denaro. La Corte di Cassazione, infatti, ha accolto il ricorso presentato dal Procuratore del Tribunale di Modica Francesco Puleio avverso il proscioglimento del giudice Patricia Di Marco. L’annullamento della sentenza di proscioglimento riguarda solo gli undici imputati che avevano scelto il rito ordinario, mentre sui sette assolti a seguito di rito abbreviato si pronuncerà la Corte d´Appello di Catania il prossimo 7 maggio. I giudici della Cassazione, dunque, hanno rimesso gli atti davanti al Gup cosicché, Bruno e Massimo Arrabito, Gabriele Giannone, Carlo Fiore, Giancarlo Francione, Vincenzo Leone, Giuseppe Piluso, Giuseppe Sammito, Marcello Sarta, Rosario Vasile e l’imprenditore edile Giuseppe Zaccaria, torneranno ad essere processati e rispondere delle pesanti accuse. L´indagine, che fra i principali imputati annovera i fratelli Peppe e Carmelo Drago e l’ex sindaco di Modica Piero Torchi è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Modica e dal Comando provinciale di Ragusa.