Recrudescenza criminalità, positivo incontro in Prefettura

1

La recrudescenza della criminalità che si registra ormai da diversi mesi a questa parte nelle zone rurali di Chiaramonte Gulfi è stata al centro di un incontro che si è tenuto stamani in prefettura alla presenza del prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, del presidente del consiglio comunale di Chiaramonte Gulfi Paolo Battaglia, del capogruppo della lista Megafono, Cristina Terlato, del capogruppo del Pd, Antonella Occhipinti, del capogruppo della lista Nicosia sindaco, Vito Alescio, e della delegata dal capogruppo della lista Cambiare per Crescere, Stefania Pastorello. Nel corso dell’incontro gli esponenti del consiglio comunale chiaramontano hanno esposto al prefetto tutto il grave disagio che, specie la popolazione che abita le zone di campagna, vive da ormai diverso tempo a questa parte, proprio per l’aggravarsi della criminalità, specie per ciò che riguarda i reati contro il patrimonio (furti e rapine) che stanno conoscendo una vera e propria escalation. Il prefetto Vardè ha valutato positivamente la proposta approvata in consiglio comunale sull’implementazione del numero dei carabinieri destinati alla stazione del comune montano. “Il prefetto, tra l’altro – ha detto il presidente del civico consesso, Paolo Battaglia – scriverà una lettera al ministero e di proporre la possibilità di valutare l’organico non solo per il numero degli abitanti ma anche per il territorio. Siamo molto soddisfatti – conclude Battaglia – e nella qualità di presidente del consiglio sento il dovere di ringraziare il prefetto non solo per l’impegno profuso nell’affrontare la grave situazione di criminalità che si sta verificando nelle zone rurali di Chiaramonte, ma anche per la disponibilità ad incontrarci ed ascoltare le esigenze dei capigruppo consiliari e del sottoscritto”.