Evade dai domiciliari e aggredisce un uomo, di nuovo in manette Robertino Garofalo

2

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Pozzallo hanno proceduto all’arresto di Robertino Garofalo, classe ’68, pregiudicato, responsabile dei reati di evasione e lesioni personali.
In particolare, nel pomeriggio del 3 dicembre, presso la Stazione Carabinieri di Pozzallo, si è presentato un uomo che ha denunciato di essere stato aggredito dal Garofalo la sera precedente.
Nella fattispecie, il Garofalo, dopo aver minacciato di morte l’uomo, nei pressi di viale dei Vespri Siciliani, lo scaraventava violentemente a terra, arrecandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni, per poi darsi alla fuga.
Robertino Garofalo era già in regime di arresti domiciliari per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, commesso lo scorso 8 novembre.
Pertanto, a seguito della querela ed alla testimonianza di alcune persone presenti al fatto ed all’accertata evasione dagli arresti domiciliari, i Carabinieri, nella giornata di ieri, hanno proceduto all’arresto del Garofalo con l’accusa di essere evaso dagli arresti domiciliari cui era sottoposto al fine di commettere i reati di minaccia e lesioni personali, con l’aggravante di aver commesso il fatto entro 3 anni dalla cessazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale cui era sottoposto sino al novembre 2012.
Al termine delle formalità di rito, i militari dell’Arma hanno tradotto il Garofalo presso la Casa Circondariale di Ragusa.